A- A+
Cronache
Gli assalti a Chiomonte non sono terrorismo. Torino, assolti 4 No Tav

Sono stati condannati a 3 anni e 6 mesi i quattro attivisti No Tav che nel maggio 2013 assalirono il cantiere della Torino-Lione a Chiomonte. La sentenza, emessa nell'aula bunker del carcere Vallette di Torino dalla Corte d'Assise, ha pero' assolto gli imputati dal reato di terrorismo, accusa contestata dai pm Rinaudo e Padalino, che avevano chiesto 9 anni e mezzo di carcere.

Applausi dopo la sentenza, presidio in Val di Susa - Applausi scroscianti e urla di gioia dal pubblico presente nell'aula bunker del carcere Vallette di Torino, quando il presidente della Corte d'Assise, Pietro Capello, ha pronunciato la sentenza che condanna i quattro attivisti No Tav, responsabili dell'attacco del maggio 2013 al cantiere della Torino-Lione di Chiomonte, a 3 anni e 6 mesi di reclusione, assolvendoli pero' dal reato di terrorismo. Permangono invece i reati di danneggiamento, fabbricazione e trasporto di armi e resistenza a pubblico ufficiale. I pm Rinaudo e Padalino avevano chiesto 9 anni e mezzo di reclusione. Abbracci anche tra gli imputati, Claudio Alberto, Niccolo' Blasi, Chiara Zenobi e Mattia Zanotti, in carcere dal 9 dicembre scorso. Alle 17.30 e' previsto un presidio in Val di Susa.

Tags:
no tav
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.