A- A+
Cronache

 

 

killer lodi 500

Andrea Pizzocolo, il 41 accusato di aver ucciso in un gioco erotico la 18enne Lavinia Simona Aiolaiei

e di aver sequestrato e rapinato un'altra ragazza, è finito ancora una volta nel mirino degli inquirenti. In queste ultime ore le forze dell’ordine hanno compiuto un’altra perquisizione ai danni dell’uomo, stavolta nella sede operativa della ditta di ascensori in cui Pizzocolo era impiegato come responsabile della contabilità.

All’interno del suo ufficio, in un armadio blindato sono stati trovati un paio di boxer, diversi slip, una camicia blu, calze e un paio di pantofole di un motel. I reperti, sequestrati dagli inquirenti, saranno ora analizzati alla ricerca di elementi che aiutino a fare chiarezza sulla seconda vita di Pizzocolo, quella di assassino già confermata dagli inquirenti in relazione alla morte della giovanissima romena.

Già nelle precedenti perquisizioni erano stati recuperati diversi filmati con giovani donne segregate e torturate, forse anche uccise.

Tags:
kuller di lodiyaralavinia
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.