A- A+
Cronache


Sono due gli aspetti certi della macabra vicenda. Primo, non si tratta di un neonato, come si era detto inizialmente. Secondo, si tratta di ossa appartenenti sicuramente a un essere umano, ma non è ancora dato sapere se di sesso maschile o femminile. I resti ritrovati da una turista, intorno alle 18 del pomeriggio di mercoledì in una delle spiagge del lungomare a sud di Gallipoli,  ingoiati da uno strato di sabbia a poche decine di metri dal lido San Giovanni e dallo stadio comunale della Città Bella,  da chissà quanto tempo, non sono stati ancora sottoposti ad una vera e propria perizia.

Ma dai primi accertamenti eseguiti dal medico legale Alberto Tortorella - in attesa che il pubblico ministero Stefania Mininni disponga  l’esame e la data in cui dovrà essere effettuato – i resti ossei apparterrebbero ad una persona adulta. A confermarlo, alcuni molari rinvenuti, ad una ventina di metri dalla battigia, sotto a una duna, accanto ai frammenti di un cranio ben conservato, un femore, vertebre, un’ulna e altre ossa di piccole dimensioni. Ancora incerto il sesso, come detto,  e il momento in cui sarebbe avvenuto  il decesso.

Potrebbe trattarsi di un corpo sepolto volutamente da qualcuno. O nascosto dal tempo e dalle insidie del mare. La morte potrebbe risalire a una decina, forse quindici o addirittura più anni addietro. E tuttavia, gli anni potrebbero anche essere di meno se si considera che la decomposizione potrebbe essere stata accelerata dagli effetti dell’erosione marina.

Questa mattina, intanto, un altro sopralluogo è stato effettuato dagli agenti di polizia del commissariato di Gallipoli, coordinati dal vicequestore aggiunto Emilio Pellerano, e dai colleghi della Scientifica, alla ricerca di ulteriori frammenti ossei che potrebbero fornire elementi determinanti nella ricostruzione di questa storia intrisa di inquietudini e interrogativi.

Il campo resta aperto ad ogni ipotesi possibile e immaginabile, ma, di certo, per quanto prematura possa essere l'idea, la mente di molti è andata comunque inevitabilmente a ritroso nel tempo, fino al 20 agosto del 1999, quando scomparve, risucchiata nel nulla, Roberta Martucci,  28enne. Quella sera di quattordici anni addietro esatti, la ragazza uscì dalla sua abitazione, a Torre San Giovanni di Ugento. Poi, di lei non si seppe più nulla. L'auto fu ritrovata quattro giorni dopo proprio a Gallipoli, in via Genova. Ma di lei, mai più alcuna traccia. Una vicenda per la quale, nonostante serrate indagini, non si è mai approdati a nulla di concreto.
 

Tags:
ossa
in evidenza
Imprese colpite dalla guerra SIMEST lancia una campagna aiuti

Ucraina

Imprese colpite dalla guerra
SIMEST lancia una campagna aiuti


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Maserati svela la nuova GranTurismo

Maserati svela la nuova GranTurismo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.