A- A+
Cronache
Il Papa: "Coraggio e determinazione per la riforma della curia"

 Papa Francesco ha incontrato gli otto cardinali e sette laici, che "sono membri a pieno titolo non di seconda classe" del nuovo Consiglio per l'Economia. Un nuovo organismo collegiale che "ha il compito di sorvegliare l'attivita' economica della Santa Sede in rapporto stretto" con il nuovo superdicastero per l'Economia, affidato al cardinale George Pell che il Pontefice ha pubblicamente lodato, nel suo breve discorso, "per la sua tenacia, tipica dei campioni del rugby australiano".

Il Consiglio per l'Economia - coordinato dall'arcivescovo di Monaco Reinhard Marx - si e' riunito oggi per la prima volta nella Sala Bologna del Palazzo Apostolico. "Abbiamo davanti - ha detto Francesco - una sfida notevole che richiede fedelta' e prudenza, coraggio e determinazione. Occorre favorire una nuova mentalita' di servizio evangelico nei dicasteri della Curia Romana e non dobbiamo uscire da questa strada: trasparenza e tutto per questo".

Gli altri cardinali membri del Consiglio per l'economia sono: Juan Luis Cipriani Thorne (arcivescovo di Lima), Daniel N. DiNardo (arcivescovo di Galveston-Houston), Wilfrid Fox Napier (arcivescovo di Durban), Jean-Pierre Ricard (arcivescovo di Bordeaux), Norberto Rivera Carrera (arcivescovo di Citta' del Messico), John Tong Hon (vescovo di Hong Kong) e Agostino Vallini (vicario del Papa per la diocesi di Roma). A eccezione dei cardinali Marx, DiNardo e Ricard, tutti gli altri porporati erano gia' membri del Consiglio cardinalizio per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede che ha cessato di esistere perche' e' stato sostituito da questo nuovo organismo voluto da Papa Francesco. E' prevista anche la partecipazione ai lavori del Segretario di Stato, il neo cardinale Pietro Parolin, e del cardinale George Pell, superministro dell'economia. I sette laici sono l'economista maltese Joseph F. X. Zahra, che avra' il ruolo di vicecoordinatore, gia' nominato da Papa Francesco presidente della Commissione referente di studio e di indirizzo sull'organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede; Jean-Baptiste de Franssu (Francia), Enrique Llano Cueto (Spagna), Jochen Messemer (Germania), George Yeo (Singapore), tutti gia' membri della commissione per la riforma economica del Vaticano nominata da Bergoglio. New entry, invece, l'italiano Francesco Vermiglio e il canadese John Kyle.

"Le relazioni tra Consiglio e Segreteria per l'economia - ha sottolineato al momento del varo il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi - saranno definite dagli statuti, in ogni caso il Consiglio e' inteso come organo avente una propria autorita' di indirizzo, non un mero organo consultivo della Segreteria per l'economia. La provenienza da diverse aree geografie dei membri nominati nel Consiglio riflette l'universalita' della Chiesa". "La costituzione del Consiglio per l'economia - ha aggiunto padre Lombardi - e' un passo chiave verso il consolidamento delle attuali strutture gestionali della Santa Sede, al fine di migliorare il coordinamento e la vigilanza circa le questioni economico-amministrative".

Tags:
papacuriariformacoraggio
in evidenza
"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022

La kermesse di Affari dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Cos'è la destra? Cos'è la sinistra?": dalla Milano di Gaber alla Piazza di Ceglie, snodo delle elezioni 2022


in vetrina
Scatti d'Affari Primark, inaugurato l'undicesimo punto vendita in Italia

Scatti d'Affari
Primark, inaugurato l'undicesimo punto vendita in Italia





casa, immobiliare
motori
Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi

Dacia Spring: l’elettrica oltre gli incentivi


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.