A- A+
Cronache

Piazza San Pietro è gremita, Papa Francesco prende in braccio una bimba di colore: “Oh che bella!”, ripete due volte. La bacia, saluta: “Buona giornata!”, benedice un uomo con un bambino in braccio e un parente sulla sedia a rotelle, poi si avvicina ad una sedia a rotelle, l'uomo sulla sedia gli bacia devotamente la mano e lo guarda, ma il sacerdote alle sue spalle gli dice qualcosa aprendo la mano destra quasi a indicare il numero cinque. L'audio è scarso, ma si sente chiaramente l'ultima parola pronunciata dal prete: “Esorcismo”. Poi – su tutto predomina la musica d'organo – il sacerdote aggiunge qualcosa e Francesco si avvicina, traccia una benedizione sulla fronte dell'uomo, gli impone le mani. L'uomo sulla sedia a rotelle emette uno strano verso, come se stesse vomitando, sembra quasi resistere. Francesco non dice nulla e mantiene le mani sulla fronte dell'uomo, ben piantato sulle gambe e senza paura, poi l'uomo smette di fare il suo verso e si accascia gradualmente, esausto. Il Papa si stacca, lo guarda, fa un gesto con la sinistra come se gli dicesse: “Va meglio, ora?”, il prete gli allunga un plico, raccolto dalle guardie del corpo del Papa, poi passa a benedire una bambina.

Questo è quanto è accaduto in Piazza San Pietro il 19 maggio, dopo la Messa dedicata all'incontro tra Jorge Mario Bergoglio e i movimenti laicali. Ed è visibile on demand sul player della Radio Vaticana/Centro Televisivo Vaticano (da cui arrivano le immagini che Affaritaliani pubblica nella gallery). Ad accorgersene per primo è stato Matteo, un utente del blog di Luigi Accattoli (www.luigiaccattoli.it) decano dei vaticanisti italiani, scatenando un dibattito tra i frequentatori del sito. I gesti compiuti da Francesco sembrerebbero più una semplice benedizione a un presunto indemoniato (forse un caso difficile, visto che il sacerdote compie quel gesto con la mano che sembra indicare il numero 5), che un esorcismo. Ma iscrive Francesco nella schiera dei Papi esorcisti come Giovanni Paolo II (che nel 1982 compì un esorcismo in Piazza San Pietro) e Benedetto XVI. Nel caso di Joseph Ratzinger, a dire il vero, c'è stato un piccolo giallo: nel 2012 padre Gabriele Amorth ha dichiarato che nel 2009 Benedetto XVI avrebbe benedetto (e non esorcizzato, dunque) due indemoniati in Piazza San Pietro, ma la Santa Sede ha smentito la dichiarazione del decano degli esorcisti italiani. Che comunque resta convinto di un fatto: Satana avrebbe un forte terrore di Ratzinger, per la sua fede e per quanto ha fatto nei confronti degli esorcisti permettendo loro l'uso dell'antico rituale in latino, a giudizio di padre Amorth più potente del rituale approvato negli anni '90.

IL DEMONOLOGO: BENEDIZIONE DEL POSSEDUTO- Interpellato da Affaritaliani.it, lo studioso di demonologia Vincenzo Scarpello spiega: "Imposizione delle mani. Benedizione del posseduto. Gli esorcismi sono sacramentali complessi, che non possono ridursi in un semplice gesto. L'esperienza e la pratica esorcistica hanno insegnato che vi sono alcuni posseduti che possono essere liberati soltanto dal Papa, in quanto Capo della Chiesa Universale. Su di essi vige un giustificato riserbo. In continuità con il suo Magistero, che continuamente fa riferimento al diavolo, con questo gesto papa Francesco dimostra coi fatti di essere Pontefice e Capo della Chiesa universale e non semplicemente Vescovo di Roma", conclude.

Antonino D'Anna

--------------------------
IL GIALLO
Domenica scorsa in piazza San Pietro, "il Papa non ha inteso compiere alcun esorcismo, ma semplicemente pregare per una persona sofferente che gli era stata presentata". Lo ha precisato il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi.

Tags:
francescobergoglioesorcismovaticano
in evidenza
Nargi, che sirena al tramonto L'ex velina infiamma Instagram

Un'estate bollente- FOTO

Nargi, che sirena al tramonto
L'ex velina infiamma Instagram


in vetrina
LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici

LG, i nuovi auricolari TONE Free si adattano agli stili di vita più dinamici





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.