A- A+
Cronache

Papa Francesco ha 'messo in punizione' il cardinale O'Brien, già dimissionato da Benedetto XVI a pochi giorni dalla sua rinuncia al Pontificato, quando lo stesso porporato scozzese dovette ammettere "comportamenti inappropriati" nei suoi rapporti con giovani seminaristi. "Per le stesse ragioni per cui decise di non prendere parte all'ultimo Conclave - afferma ora una nota della Sala Stampa della Santa Sede - il cardinale Keith Patrick O'Brien, arcivescovo emerito di St. Andrews and Edinburgh, d'intesa con il Santo Padre, nei prossimi giorni lascera' la Scozia per molti mesi di rinnovamento spirituale, preghiera e penitenza. Ogni decisione circa la destinazione futura del Cardinale sara' da concordare con la Santa Sede".

LE DIMISSIONI - All'atto delle dimissioni anticipate di O'Brien il 25 febbraio scorso, il portavoce della Santa Sede, padre Federico Lombardi, disse che "Papa Ratzinger fu opportunamente informato" sul cardinale scozzese Keith O'Brien. Come e' noto, in seguito a questa vicenda, dunque per espresso desiderio del Papa che stava per lasciare il Pontificato, il porporato scozzese ha anche rinunciato a partecipare al Conclave che ha poi eletto Francesco. Come e' noto, O'Brien era stato accusato di abusi sessuali da tre preti e un ex prete della sua diocesi per fatti risalenti a oltre 30 anni prima. Le dichiarazioni contenenti le accuse contro il cardinale erano state presentate all'ufficio dell'ambasciatore del Vaticano in Gran Bretagna, Antonio Mennini, a inizio febbraio, una settimana prima dell'annuncio delle dimissioni del Papa.

LE ACCUSE - Mennini ha risposto con una mail, visionata dai giornalisti dell'Observer, nella quale diceva di apprezzare il coraggio degli accusatori. I quattro accusatori, che non hanno rivelato la propria identita', hanno sostenuto di essere stati costretti ad avere rapporti "inopportuni" con il cardinale.La prima denuncia contro O'Brien fa riferimento a fatti accaduti nel 1980 ed e' stata fatta da un ex-seminarista del collegio di St. Andrews, ai tempi ventenne e oggi sposato, che considerava O'Brien la sua "guida spirituale". L'ex seminarista ha detto di essere stato troppo spaventato all'epoca per denunciare il fatto, e di avere rinunciato successivamente al suo percorso nella Chiesa per preservare la sua integrita' personale. Nelle altre dichiarazioni presentate a monsignor Mennini che in merito riferi' immediatamente a Benedetto XVI, i tre preti hanno raccontato di avere avuto rapporti inappropriati con l'arcivescovo in diverse occasioni: in una parrocchia, alla residenza di O'Brien e durante sedute di preghiera notturne. Secondo uno degli accusatori, il "prete C", l'arcivescovo avrebbe mantenuto contatti di questo tipo con lui per un certo periodo di tempo, abusando del suo potere e della sua posizione: "Dovete capire - aggiunse il prete - la relazione che esiste tra un vescovo e un sacerdote. Quando prendi l'ordine, presti giuramento di obbedienza anche verso di lui". "E' piu' del tuo capo, piu' del CEO della tua compagnia. Lui ha un enorme potere su di te. Non e' che arrivi li' e gli dai un calcio nelle palle", ha spiegato confermando quella che e' stata la tesi di fondo del promotore di giustizia della Congregazione della Dottrina della Fede nel pontificato ratzingeriano, monsignor Charles Scicluna: "dietro ogni abuso sessuale compiuto da eccelsiastici c'e' sempre anche un abuso di potere". A seguito della pubblicazione delle accuse e della conferma della loro credibilita' da parte della Nunziatura di Londra, lo scorso 25 febbraio il cardinale O'Brien ha diffuso una dichiarazione in cui si e' scusato con tutti coloro che "sono stati offesi".

Tags:
papapunizionecardinale o'brien
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.