A- A+
Cronache

PAPA: PER LUI IL PIU' GRANDE FLASH MOB MAI VISTO - A Copacabana, in onore di Papa Francesco il piu' grande flash mob mai visto con 3 milioni di persone che danzavano all'unisono. Al "movimento" - prima che iniziasse la messa - si sono uniti anche i concelebranti, 1200 vescovi, accennandolo con tanto di casule e mitrie indosso.

bergoglio

PAPA: LA VITA CRISTIANA E' COME UNA PARTITA -

 

Accolto con cori da stadio e un incontenibile entusiasmo da piu' di due milioni di ragazzi, nella riflessione proposta alla veglia della Gmg di Copacabana Papa Francesco ha fatto leva sul calcio che "qui in Brasile, come in altri Paesi, e' una passione nazionale". "Gesu' - ha detto - ci chiede di seguirlo per tutta la vita, ci chiede di essere suoi discepoli, di giocare nella sua squadra". Ma quando un giocatore viene convocato, ha sottolineato, "deve allenarsi, e allenarsi molto" e "cosi' e' nella nostra vita di discepoli del Signore".

Gesu', ha scandito il Papa, "ci offre qualcosa di superiore della Coppa del Mondo. Ci offre la possibilita' di una vita feconda e felice e ci offre anche un futuro con Lui che non avra' fine, la vita eterna".

"Ci chiede - pero' - di allenarci per essere in forma, per affrontare senza paura tutte le situazioni della vita, testimoniando la nostra fede". E questo, ha spiegato Papa Bergoglio, "attraverso il dialogo con Lui: la preghiera, che e' il colloquio quotidiano con Dio che sempre ci ascolta, i Sacramenti, che fanno crescere in noi la sua presenza e ci conformano a Cristo, l'amore fraterno, il saper ascoltare, il comprendere, il perdonare, l'accogliere, l'aiutare gli altri, ogni persona, senza escludere, senza emarginare". "Cari giovani - ha detto il Papa rivolto a quella moltitudine immensa - siate veri atleti di Cristo".

Ha chiesto ai ragazzi di essere "un terreno buono, cristiani non part-time, non inamidati, di facciata, ma autentici". "Sono certo - ha confidato loro - che non volete vivere nell'illusione di una liberta' che si lascia trascinare dalle mode e dalle convenienze del momento. So che voi puntate in alto, a scelte definitive che diano senso pieno alla vita". "Si suda la camicia cercando di vivere da cristiani", ha ammesso il Papa, eppure solo in questo modo "diventiamo costruttori della Chiesa e protagonisti della storia".

Per aiutare i giovani a comprendere il senso di questa vocazione, Papa Bergoglio ha tracciato l'identikit del discepolo-missionario e suggerito una immagine evangelica, quella del terreno fecondo, prendendo le mosse dal nome del luogo dove si sarebbe dovuta svolgere in precedenza la Veglia: il "Campus Fidei" di Guaratiba. Bergoglio, dunque, ha descritto il "campo" come luogo in cui si semina, "questo - ha affermato- significa che il vero Campus Fidei e' il cuore di ognuno di voi, e' la vostra vita. Ed e' nella vostra vita che Gesu' chiede di entrare con la sua Parola, con la sua presenza. Per favore, lasciate che Cristo e la sua Parola entrino nella vostra vita, possano germogliare e crescere! Gesu' ci dice che i semi caduti ai bordi della strada o tra i sassi e in mezzo alle spine non hanno portato frutto". Le parole del Papa sono state molto chiare: "no" a un cristianesimo di facciata, inamidato e part-time, "nell'illusione di una liberta' che si lascia trascinare dalle mode e dalle convenienze del momento", si' a una esperienza veramente autentica

Il Papa a Rio: "Stop alla cultura degli scarti"

 

papa aparecida 500 (5)

"Annunciamo il Vangelo ai nostri giovani, perche' incontrino Cristo, luce per il cammino, e diventino costruttori di un mondo piu' fraterno". Papa Francesco lo ha chiesto nell'omelia della messa celebrata nella Cattedrale di Rio de Janeiro con mille vescovi di tutto il mondo, giunti nella citta' carioca per la Giornata Mondiale della Gioventu'. Si tratta della assemblea episcopale piu' numerosa che si sia mai riunita dopo il Concilio Vaticano II.

"Purtroppo, in molti ambienti, si e' fatta strada una cultura dell'esclusione, una 'cultura dello scarto': non c'e' posto ne' per l'anziano ne' per il figlio non voluto; non c'e' tempo per fermarsi con quel povero sul bordo della strada. A volte sembra che per alcuni, i rapporti umani siano regolati da due 'dogmi' moderni: efficienza e pragmatismo", ha affermato Francesco. Per Papa Bergoglio, "l'incontro e l'accoglienza di tutti, la solidarieta' e la fraternita', sono gli elementi che rendono la nostra civilta' veramente umana". "Abbiate il coraggio di andare controcorrente. Non rinunciamo a questo dono di Dio: l'unica famiglia dei suoi figli", ha chiesto a vescovi, sacerdoti, religiosi e seminaristi presenti alla liturgia. "Essere servitori della comunione e della cultura dell'incontro: lasciatemi dire - ha scandito - che dovremmo essere quasi ossessivi in questo senso". "Cari fratelli e sorelle - ha poi concluso - siamo chiamati da Dio, chiamati ad annunciare il Vangelo e a promuovere con coraggio la cultura dell'incontro. La Vergine Maria sia nostro modello. Nella sua vita ha dato, come dice il Concilio, 'l'esempio di quell'affetto materno che dovrebbe ispirare tutti quelli che cooperano nella missione apostolica che ha la Chiesa di rigenerare gli uomini'. Sia Lei la Stella che guida con sicurezza i nostri passi incontro al Signore".

"Non vogliamo essere presuntuosi, imponendo 'le nostre verita''", ha poi assicurato Francesco nell'omelia . "Cio' che ci guida - ha spiegato Bergoglio - e' l'umile e felice certezza di chi e' stato trovato, raggiunto e trasformato dalla Verita' che e' Cristo e non puo' non annunciarla".

La Chiesa non faccia "la chioccia", ha chieto infine il Papa a vescovi e missionari di tutto il mondo. I giovani, ha spiegato, "educhiamoli alla missione, a uscire, ad andare. Gesu' ha fatto cosi' con i suoi discepoli: non li ha tenuti attaccati a se' come una chioccia con i suoi pulcini; li ha inviati!". Anche noi, ha aggiunto, "non possiamo restare chiusi nella parrocchia, nelle nostre comunita', quando tante persone sono in attesa del Vangelo". Per Francesco, "non e' la creativita' pastorale, non sono gli incontri o le pianificazioni che assicurano i frutti, ma l'essere fedeli a Gesu'". "Non risparmiamo - ha esortato Bergoglio - le nostre forze nella formazione dei giovani! San Paolo usa una bella espressione, che ha fatto diventare realta' nella sua vita, rivolgendosi ai suoi cristiani: 'Figli miei, che io di nuovo partorisco nel dolore finche' Cristo non sia formato in voi'. "Anche noi - ha concluso - facciamola diventare realta' nel nostro ministero! Aiutiamo i nostri giovani a riscoprire il coraggio e la gioia della fede, la gioia di essere amati personalmente da Dio, che ha dato suo Figlio Gesu' per la nostra salvezza".

Tags:
papafrancescorio
in evidenza
Tatangelo, bikini fa girare la testa Britney Spears senza il reggiseno

E Ilary Blasi... FOTO DELLE VIP

Tatangelo, bikini fa girare la testa
Britney Spears senza il reggiseno

i più visti
in vetrina
Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi

Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi





casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.