A- A+
Cronache
Papa: il Vangelo non si annuncia con le bastonate

Respingere la ricorrente "tentazione" per la quale "il Vangelo si annuncia con le bastonate". No, "il Vangelo si annuncia con la dolcezza e l'amore". Sono parole di Papa Francesco nell'omelia della messa alla Chiosa del Gesu', in ringraziamento per la canonizzazione di San Pietro Favre, primo compagno e successore di Sant'Ignazio de Lojola. Di lui, ha ricordato rilevandone lo straordinario zelo apostolico, "si diceva che non fosse mai fermo in nessun posto".

"Nei desideri - ha sottolineato Francesco - Favre sapeva discernere quelli di Dio. Voleva essere dilatato in Dio ed era completamente centrato in Dio. Percio' andava ovunque ad annunciare il Vangelo".

Favre, cioe', "provava il desiderio di lasciare il centro del suo cuore a Gesu', era divorato dall'intenso desiderio di comunicare il Signore". Anche noi, ha soggiunto il Papa parlando ai suoi confratelli gesuiti, "dobbiamo lasciare operare in noi il fascino di Gesu'". Nell'omelia il Pontefice ha poi ricordato quanto dice San Paolo: "Abbiate gli stessi sentimenti di Cristo Gesu': egli pur essendo nella condizione di Dio, non ritenne un privilegio l'essere come Dio ma svuoto' se stesso assumendo una condizione di servo".

"Noi, gesuiti - ha scandito - vogliamo essere insigniti del nome di Gesu', militare sotto il vessillo della sua Croce, e questo significa: avere gli stessi sentimenti di Cristo. Significa pensare come Lui, voler bene come Lui, vedere come Lui, camminare come Lui. Significa fare cio' che ha fatto Lui e con i suoi stessi sentimenti, con i sentimenti del suo Cuore". E il Vangelo insegna la fraternita' e l'amore e non le bastonate inquisitorie.

"Essere gesuita significa essere una persona dal pensiero incompleto, dal pensiero aperto: perche' pensa sempre guardando l'orizzonte che e' la gloria di Dio sempre maggiore, che ci sorprende senza sosta. E questa e' l'inquietudine della nostra voragine. Quella santa e bella inquietudine!". Entrato nella Compagnia di Gesu' 55 anni fa, Jorge Mario Bergoglio ha descritto cosi' se stesso e i suoi confratelli.

"Non siamo uomini in tensione e contradditori, egoisti, ma vogliamo camminare con Gesu'". Papa Francesco ha concluso con questa raccomandazione - rivolta ai 350 gesuiti che concelebravano con lui - l'omelia.

Gesuiti gli donano lettera-reliquia di Favre - "Non resta che ringraziare nostro fratello Francesco, Papa Francesco, per questa canonizzazione". Il preposito generale della Compagnia di Gesu', padre Adolfo Nicolas, si e' rivolto cosi' al Pontefice al termine del rito da lui presieduto alla Chiesa del Gesu' in occasione della recente canonizzazione di San Pietro Favre, primo compagno e successore di Sant'Ignazio, elevato lo scorso 17 dicembre dallo stesso Bergoglio agli onori degli altari e del quale i gesuiti hanno donato oggi al Papa una lettera-reliquia in quanto scritta di suo pugno dal santo. "Un gesuita che diventa santo - ha aggiunto padre Nicolas nel breve discorso rivolto a Francesco - e' un'opportunita' di approfondire la nostra vocazione, questo svuotamento del quale ci ha parlato nell'omelia, e rinnovare una volta di piu' quello che dicevano i nostri padri la Compagnia e' una via verso Dio. Vogliamo ringraziarla per questa Eucaristia e per averla celebrata con noi. E per la gioia con la quale questa canonizzazione ha avuto luogo. Quando ha firmato il decreto lei mi ha chiamato per telefono subito, per dirmi 'ho segnato il decreto'. Questa gioia - ha concluso il 'papa nero' - e' parte della nostra gioia di oggi".

Tags:
paoa francescovangelobergoglio
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.