A- A+
Cronache
Pasta con pesticidi. Una marca è la peggiore. Ecco qual è

Pesticidi nella pasta, allarme in alcuni marchi: tracce di glifosato

La pasta si sa, soprattutto per noi italiani, è un alimento di cui è difficile fare a meno. Basti pensare che la cosiddetta dieta mediterranea si basa essenzialmente su un equilibrio perfetto tra proteine, provenienti da carne e legumi, e carboidrati, come pane e pasta. Che venga quindi condita con una semplice passata pomodoro, un pesto già pronto o con un più sfizioso preparato a base di carne e formaggi, un piatto di pasta rimane sempre una scelta perfetta: completa, veloce e gustosa. Ma attenzione. Purtroppo anche nella pasta, secondo gli ultimi test condotti in Svizzera, potremmo trovare tracce anomale di pesticidi, in particolare di glifosato. In alcuni marchi, anche tra i più conosciuti, il pericolo è davvero dietro l'angolo. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le paste incriminate e i marchi che invece si salvano. 

Pestici nella pasta, allarme in diverse confezioni: ecco quali 

Innanzitutto, prima di addentrarci nella classificazione delle marche, è bene ricordare la definizione di glifosato. Quest'ultimo è sostanzialmente un erbicida, classificabile come sostanza potenzialmente cancerogena, spesso sotto la lente degli esperti. In Italia il 7 ottobre 2016 è entrato in vigore il Decreto del Ministero della salute che ha disposto la revoca dell'autorizzazione all'immissione in commercio dei prodotti fitosanitari contenenti glifosato. Detto questo, è pur vero che, secondo i dati Ispra, nell'agricoltura italiana è ancora uno degli erbicidi più utilizzati. 

Capiamo ora quali sono i marchi più tendenti a contenere tracce di glisofato. Secondo uno studio condotto ad aprile 2022 dalla rivista svizzera K-Tipp diverse marche di pasta, commercializzate anche in Italia, detengono segni di pesticidi anomali. La ricerca si è svolta su un campione di 18 marchi diversi di pasta, tredici prodotti con grano duro e cinque con grano proveniente da agricoltura biologica. Secondo questa ricerca, dunque, si è scoperto che questa sostanza può essere effettivamente riscontrata in diversi marchi italiani, nello specifico: Lidl, Divella, Agnesi e Garofalo. L’unico marchio che invece non ha presentato tracce di glifosato è Barilla, in particolare negli spaghettoni e nelle penne rigate integrali.

Pestici nella pasta,  la reazione delle aziende produttrici 

Il glifosato, come ricordato in precedenza, non è una sostanza completamente vietata: ci sono però dei limiti di legge da rispettare. I marchi infatti coinvolti nel test si sono subito così giustificati: Divella, ad esempio, ha dichiarato che anche se è stata riscontrata la presenza di questa sostanza si parla comunque di un valore decisamente inferiore ai limiti di legge, nello specifico 0,023 mg/kg contro un limite massimo di 10 mg/kg. Sulla stessa scia anche Garofalo che conferma che la presenza di glifosato nella sua pasta è di gran lunga inferiore al limite, in particolare è “mille volte inferiore al limite di legge”. Per ultimo poi c'è Lidl che spiega che la tipologia di pasta "Combino Tagliatelle" presenta un fornitore differente da Italia a Svizzera. 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pastapesticidi
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto

Che show a Belve!

Ilenia Pastorelli, dal Grande Fratello a Jeeg Robot (con David di Donatello). Foto


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024





motori
Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Bentley debutta nel mondo dell'Home Office alla Milano Design Week 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.