A- A+
Cronache
Allarme ciclone in Sicilia. Roma, aeroporto allagato: foto
Roma

Un ciclone di tipo simil-tropicale si e' rapidamente formato sullo stretto di Sicilia e si sta spostando sul Mediterraneo lungo una traiettoria est-nord-est, quindi verso le coste sud-orientali della Sicilia. Il suo centro - spiega il Dipartimento della Protezione civile - e' attualmente posizionato sull'isola di Linosa; la traiettoria del fenomeno non e' esattamente prevedibile, ma il suo movimento indica la possibilita' che la parte settentrionale del ciclone impatti con le coste siciliane dal tardo pomeriggio, interessando in particolare la fascia costiera delle province di Siracusa, Ragusa e Caltanissetta, con un possibile parziale coinvolgimento anche di quelle di Agrigento e Catania.

MALTEMPO A ROMA

Il maltempo continua a imperversare su Roma. E' piovuto praticamente tutta la notte dopo che ieri, violenti nubifragi hanno causato allagamenti e disagi in molte parti della citta': dopo il nubifragio del mattino e la tregua a cavallo dell'ora di pranzo, l'attesa bomba d'acqua e' caduta sulla Capitale nel pomeriggio colpendo prima l'area di Roma sud, in particolare a Casalpalocco e Infernetto, e il litorale, con allagamenti nella zona di Saline e un palo della luce venuto giu' all'Idroscalo di Ostia. Poi la perturbazione si e' spostata a nord della citta' portando con se' forti venti e grandinate.

Riapriranno comunque le scuole che ieri erano rimaste chiuse su disposizione del Prefetto. Le linee della metropolitane funzionano regolarmente e tutte le stazioni, tranne quella di "Repubblica" della metro "A" che e' chiusa, sono aperte comprese Porta Furba e Lucio Sestio che ieri erano state interdette ai viaggiatori per allagamenti. Chiusi ancora i sottopassi di via stazione Tiburtina, Euclide e Collatina Longoni. Chiusa anche la panoramica da Monte Mario a Piazzale Clodio.

ANCORA ALLERTA - Da nord a sud dell'Italia continua l'emergenza maltempo, e per oggi l'allerta è annunciato ancora con grado elevato. Il Dipartimento della Protezione civile parla infatti di persistenza degli effetti della perturbazione attiva ormai da giorni e che determina ancora precipitazioni, localmente intense, sul Paese. Nelle prossime ore la fase di maltempo interessera' soprattutto le regioni centro-meridionali con associata forte ventilazione nei bassi strati.Annunciata criticita' rossa - la piu' elevata nella scala dei valori - per rischio idraulico diffuso sul bacino Veneto del Livenza e per rischio idrogeologico localizzato su buona parte del Friuli Venezia Giulia, su tutto il territorio umbro e sul bacino toscano dell'Albegna, sul Lazio meridionale e parte del Molise, nonche' sulla Calabria, buona parte della Basilicata, Puglia meridionale e gran parte della Sicilia.

In Calabria oggi molte scuole restano chiuse - Resta alta l'allerta per il maltempo in Calabria. Piove abbondantemente dalle prime ore del giorno su gran parte del territorio regionale. Una situazione segnalata gia' ieri dalla protezione cIvile e dall'agenzia regionale per l'ambiente che ha indotto molti sindaci a tenere le scuole chiuse (Catanzaro, Reggio Calabria, Lamezia Terme, Crotone e Locri) per la giornata di oggi e in alcuni casi anche per sabato. Particolarmente colpita risulta essere stata la Locride. I centri costieri sono stati investiti dalle mareggiate e le piogge copiose hanno causato straripamenti di fiumi e torrenti oltre che allagamenti. In qualche caso hanno riportato danni le infrastrutture viarie. La situazione del Reggino e' tenuta sotto osservazione dalla Prefettura. L'ondata di maltempo che nella notte si e' abbattuta sulla citta' dello Stretto, con pioggia e vento, fortunatamente non ha provocato gravi danni. I vigili del fuoco del Comando provinciale sono chiamati come sempre in questi casi a un lavoro straordinario, ma a parte la caduta di alberi e cornicioni pericolanti non si segnalano casi gravi. Destano preoccupazioni solo le condizioni del torrente Valanidi, che viene monitorato con attenzione.

Elevato livello d'allerta nel Salento  - Resta alto fino alle 20 di oggi il livello di allerta su tutto il Salento per l'arrivo previsto di una perturbazione di origine atlantica che dovrebbe portare rovesci anche di forte intensita', temporali e venti di burrasca. Nelle prime ore del mattino di oggi non si segnalano criticita' se si escludono alcuni rami di alberi spezzati dalle forti raffiche di vento prontamente rimossi dalle strade dai vigili del fuoco. La Protezione civile pugliese aveva diramato un avviso di allerta che segnalava, dalle 20 di ieri e per le 24 ore successive, un rischio idrogeologico di criticita' elevata sul Salento leccese e sui bacini del Lato e del Lenne, nel Tarantino. Di conseguenza, i sindaci di alcuni Comuni salentini, tra cui Gallipoli, Alezio e Taviano, hanno deciso la chiusura delle scuole di per la giornata di oggi. Stamani, la Sala operativa unificata permanente (Soup) della Protezione civile di Bari fa sapere che il livello di allerta resta elevato fino alle 20 di oggi, come da avviso diramato nel pomeriggio di ieri.

Vento e mare agitato, stop collegamenti golfo Napoli - Vento forte e mare agitato compromettono ancora i collegamenti nel golfo di Napoli. Traghetti e aliscafi fermi da e per Capri, e sull'isola numerosi interventi dei vigili del fuoco per rami spezzati e alberi caduti. Un solo traghetto per ora ha collegato Ischia e il capoluogo campano, sospesi gli aliscafi.

Il maltempo sferza la Sicilia orientale - Scuole chiuse in mezza Sicilia oggi a causa dell'allarme rosso dichiarato dalla Protezione civile regionale per il maltempo. Niente lezioni da Palermo a Catania, da Messina a Ragusa, e sospese anche altre attivita', come i corsi formativi dell'Ordine dei giornalisti e la didattica universitaria a Palermo. Nel capoluogo dell'Isola, comunque, non si e' finora andati al di la' di cielo coperto e deboli piogge notturne. Piu' intensi i fenomeni atmosferici nel settore orientale della Sicilia. In provincia di Catania Misterbianco e Aci Catena sono i due centri piu' colpiti.

A Venezia rientra allarme acqua alta - Grazie al miglioramento delle condizioni meteo, rientra l'allarme acqua alta a Venezia. Il centro previsioni maree del Comune ha infatti rivisto le sue stime: se per stamattina era attesa una punta da 130-135 centimetri, il picco della marea si fermera' invece a 110. Situazione in ulteriore miglioramento e' prevista per i prossimi giorni.

Tags:
pioggiaromamaltempo
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.