A- A+
Cronache

Forse non era un prodotto utile a fini del doping, ma sicuramente neanche un innocuo prodotto a base di composti vegetali. Il testosterone che gli inquirenti dicono di aver trovato a casa di Oscar Pistorius, il quattrocentista disabile accusato di aver ucciso a colpi di pistola la sua fidanzata, sarebbe uno "stimolante sessuale": lo scrive il settimanale sudafricano City Press, citando un medico sportivo. Hilton Botha, il detective poi rimosso dall'incarico, aveva affermato mercoledì in tribunale a Pretoria che "due scatole di testosterone" ed alcune siringhe erano state trovate a casa dell'atleta, incriminato per aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp. L'avvocato di Pistorius, Barry Roux, aveva spiegato che si trattava di un rimedio a base vegetale, il testo compasutium coenzyma, che l'atleta "aveva il diritto di utilizzare". Il medico sportivo Jon Patricios, intervistato da City Press, ha spiegato che questo prodotto, che si assume tramite iniezioni - composto da pezzi di cuore e di testicoli di animali, nonch‚ da piante medicinali e vitamine - serve di norma a combattere problemi di erezione. È però sconsigliato agli sportivi perché‚ li può far risultare positivi ai test antidoping.

pistorius 2



IL VERDETTO/ "E' improbabile che possa scappare dal Sudafrica". Il giudice di Pretoria ha concesso la libertà su cauzione. Oscar Pistorius potrà uscire dal carcere. "Testosterone, telefonate e sms. Troppi gli errori dell'accusa". Il magistrato attacca chi ha condotto le indagini. La decisione dopo una lunghissima lettura della sentenza durata quasi due ore. L'atleta ha ascoltato a tratti in lacrime e con gli occhi chiusi. Dopo la decisione entusiasmo tra i banchi e un coro di: "yessss"

L'inchiesta andrà avanti, ma intanto l'olimpionico potrà fare ritorno nella casa dove la notte di San Valentino ha ucciso l'ex fidanzata Reeva Steenkamp. Durante l'udienza era stato detto: "Dove può scappare con le protesi?". Il suo allenatore: "Lunedì tornerà in pista".

LA CRONACA

PISTORIUS LIBERO SU CAUZIONE - E' stata concessa la liberta' su cauzione ad Oscar Pistorius, l'atleta sudafricano accusato di omicidio premeditato per la morte della fidanzata, Reeva Steenkamp. La decisione di concedere la liberta' vigilata in attesa del processo e' stata motivata dal giudice Desmond Nair con un intervento in quasi due ore in cui ha spiegato che non c'e' pericolo di fuga, ne' di inquinamento delle prove e non sussistono neppure pericoli per la societa'. La decisione e' stata accolta da un applauso dei familiari e dei sostenitori di "Blade runner".

SENTENZA LIBERTA' A 13:30; PROCURA, "POTREBBE FUGGIRE" - Arrivera' alle 13:30 ora italiana la decisione del giudice sulla concessione della liberta' su cauzione ad Oscar Pistorius, l'atleta sudafricano accusato di omicidio premeditato per la morte della fidanzata, Reeva Steenkamp, la notte di san Valentino. Nella seduta odierna, la procura ha ribadito che Blade Runner "potrebbe fuggire" e e che ha "il denaro, gli strumenti e il motivo" per farlo. La difesa invece ha sostenuto che il giovane non solo ha un handicap facilmente riconoscibile, ma le sue protesi hanno bisogno di un regolare manutenzione che renderebbe impossibile una fuga. Cercando di convincere il giudice, il procuratore Gerrie Nel, ha tirato in ballo il fondatore di Wikileaks, Julian Assange: "Il suo volto e' conosciutissimo in tutto il mondo eppure risiede in un'ambasciata a Londra", ha osservato, arrivando a ipotizzare che l'atleta potrebbe addirittura camuffare le sembianze.

ALLENATORE, SE LO RILASCIANO DA LUNEDI' TORNA IN PISTA - Il coach di Oscar Pistorius ha fatto sapere che l'atleta sudafricano potrebbe riprendere gli allenamenti gia' da lunedi' se gli verra' concessa la liberta' su cauzione. Arrivando al tribunale di Pretoria per assistere all'udienza in cui si dovrebbe decidere sul rilascio di Pistorius, Amplie Louw si e' mostrato ottimista: "Riteniamo che la verita' verra' fuori e siamo molto positivi: lo vogliamo solo a casa". L'allenatore ha comunque anticipato che potrebbe rimettere in pista da subito l'atleta "per tenergli pulita la mente". Pistorius e' stato accolto in tribunale dai suoi sostenitori, con striscioni di appoggio (su uno, "Oscar, abbiamo fiducia in te e nel tuo amore per Reeva"). Sebbene l'accusa sia contraria, sono in molti a ritenere che la liberta' gli sara' concessa. Questo anche perche' le condizioni delle prigioni sudafricane sono molto dure, l'attesa per il processo potrebbe essere lunga ed e' improbabile che Pistorius, considerata la sua notorieta', possa fuggire.

NIKE SOSPENDE IL CONTRATTO CON 'BLADE RUNNER' - La Nike, il colosso americano dell'abbigliamento sportivo, ha sospeso il contratto con Oscar Pistorius, l'atleta sudafricano, accusato di omicidio premeditato della fidanzata, Reeva Steenkamp. "Riteniamo che a Oscar Pistorius debba essere garantito il giusto processo e noi continueremo a seguire da vicino la situazione", ha detto la societa', annunciando la sospensione del contratto.

POLIZIA PRECISA, SU CAPO DETECTIVE NESSUNA DECISIONE  - La polizia sudafricana precisa che "non e' stata presa ancora alcuna decisione" sul detective che guida le indagini sul 'caso Pistorius'. Secondo i media locali, che citavano l'ufficio del procuratore nazionale, Hilton Botha, l'ufficiale di polizia sudafricano che per primo entro' nella villa dell'atleta paralimpico teatro dell'omicidio di Reeva Steenkamp, e' stato allontanato dalle indagini dopo che si e' scoperto che egli stesso e' accusato di tentato omicidio. Hilton Botha "non puo' piu' seguire questa inchiesta", aveva dichiarato un rappresentante della Procura nazionale all'emittente Eyewitness News. Stamane si e' scoperto che l'ufficiale e' lui stesso accusato di sette incriminazioni per tentato omicidio, per aver sparato su un taxi nel tentativo di fermarlo nel 2009; e deve comparire dinanzi i giudici a maggio.

TOLTO IL CASO AL DETECTIVE CHE GUIDAVA LE INDAGINI - Il caso Pistorius e' stato tolto al detective che guidava le indagini: lo riferiscono i media locali. Hilton Botha, l'ufficiale di polizia sudafricano che per primo entro' nella villa dell'atleta paralimpico teatro dell'omicidio di Reeva Steenkamp, e' stato allontanato dalle indagini dopo che si e' scoperto che egli stesso e' accusato di tentato omicidio. A maggio Botha dovra' comparire davanti ai giudici per rispondere dell'accusa di aver sparato in stato di ebbrezza contro un taxi nel tentativo di fermarlo, nel 2009. Mercoledi' Botha era stato a lungo ascoltato dal giudice che deve decidere se concedere la liberta' condizionale all'atleta sudafricano.

 
Reeva Steenkamp, la fidanzata di Oscar Pistorius 

 

Tags:
pistoriusmazzasangue
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.