A- A+
Cronache
Alessandro MeluzziAlessandro Meluzzi

di Lorenzo Lamperti

 twitter@LorenzoLamperti

"Sono certo che Amanda non tornerà in Italia per essere giudicata. Anzi me lo auguro. Sfortunato Sollecito che vive ancora qui..." Alessandro Meluzzi, criminologo ed ex consulente della difesa di Rudy Guede, dice la sua sulla sentenza della Cassazione sull'omicidio Meredith in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Sono sorpreso, è stato dimostrato che le prove dell'accusa sono inattendibili. Un'altra brutta pagina per la giustizia italiana". Sul nuovo appello: "Sarà una bieca ripetizione del primo appello. Ma farsi giudicare in Italia è come stare sul lettino di un chirurgo cieco". E su Guede: "Il suo caso dovrebbe essere riaperto, è una vittima". 

LUCIANO GHIRGA, IL LEGALE DI AMANDA, AD AFFARI: "SIAMO PRONTI A RISORGERE"

"Dopo ieri sera mi aspettavo un rinvio, magari non totale come è avvenuto..." L'avvocato Luciano Ghirga, il legale di Amanda Knox, commenta la sentenza della Cassazione sul processo Meredith in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Ora è d'obbligo leggere le motivazioni per capire quali elementi di prova vanno ridiscussi alla corte d'assise d'appello di Firenze. La perizia genetica, i testimoni, la ricostruzione del finto furto... dobbiamo capire quali sono i punti che hanno determinato questa decisione". In realtà si parla di una riapertura completa: "Sì, ma dobbiamo leggere le motivazioni per attenerci agli indirizzi della corte". L'avvocato non ha "nessun dubbio" di natura procedurale, anche se qualcuno aveva storto il naso di fronte al prolungarsi della camera di consiglio: "E' una cosa che succede, non facciamo dietrologie".  Sulle reazioni di Amanda: "L'abbiamo sentita, è triste e continua a chiedersi perché nessuno crede in lei. Ma i giudici di appello le avevano creduto, speriamo le credano ancora". La Knox tornerà in Italia? "Valuteremo se sarà il caso di farle seguire il processo dagli Usa o dall'Italia. Noi avvocati siamo pronti a risorgere come abbiamo fatto dopo il primo grado. Siamo molto determinati a ribaltare questa sconfitta". Ghirga insiste sugli errori della scientifica: "La perizia d'appello è stata perfetto e ha confermato gli errori fatti". E su Rudy Guede: "Valuteremo se i giudici volessero rivedere la sentenza che lo riguarda".

 

Dottor Meluzzi, che cosa ne pensa della sentenza della Cassazione sul caso Meredith?

Naturalmente non ne conosco i contenuti ma io ero assolutamente d'accordo con la sentenza d'appello e quindi sono un sorpreso e preoccupato. Sorpreso perché non capisco quali siano i presupposti per ravvisare dei vizi formali. Il processo d'appello era stato preciso, accurato ed erano stati sentiti consulenti di alto livello. Era stato smentito un castello di accuse che tra l'altro non stava in piedi già in primo grado, quando la sentenza era stata pronunciata aderendo in maniera fideistica a un punto di vista preconcetto in totale assenza di prove. Tra l'altro con il paradosso dell'allora mio assistito Rudy Guede, condannato per concorso in omicidio. Concorso non si capisce con chi, comunque quello che ebbi modo di dire al primo processo di Perugia lo ripeto anche adesso: quella ricostruzione dei fatti era inattendibile, infondata e priva di qualsiasi supporto o elemento probatorio degno di questo nome. Questo getta ancora una volta un'ombra sulle modalità per cui i procedimenti penali in Italia si prolungano in maniera indeterminata.

Secondo lei Amanda tornerà in Italia?

Qui dico una cosa della quale mi assumo la responsabilità: sono certo che Amanda Knox non tornerà in Italia per essere giudicata. E probabilmente fa bene.

E' prevedibile che dagli Usa arriveranno molte critiche.

Mi immagino di sì, anche perché l'impianto della difesa era stato molto forte. Aspettiamo di leggere le motivazioni della sentenza ma mi pare sia stata scritta un'altra brutta pagina per la giustizia italiana. Diceva Gianni Agnelli che andare sotto processo in Italia era come "sdraiarsi sul lettino di un chirurgo". La sensazione ora è di sdraiarsi sul lettino di un chirurgo cieco.

Come sarà il nuovo processo d'appello?

Sarà una bieca ripetizione di quelle prove d'accusa prodotte nel primo processo d'appello nel quale miracolosamente erano stati trovati dei giudici a Berlino. Spero se ne trovino altri, ma sarà difficile smentire che le prove erano inattendibili.

Per Rudy Guede cambia qualcosa?

Per Rudy Guede credevo le cose fossero già cambiate ma purtroppo nessuno ha riaperto il processo. Credo che il povero Rudy Guede sia l'elemento più debole di questa situazione. Credo che rimarrà in carcere senza che nessuno si occupi più di lui.

Tags:
amandameredithmeluzzisollecito
in evidenza
Vacanza da sogno per i Ferragnez In Puglia tra masserie di lusso

Savelletri, Torre Canne e...

Vacanza da sogno per i Ferragnez
In Puglia tra masserie di lusso

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.