A- A+
Cronache
Procura di Palermo, Lo Forte fu bloccato dal Colle. Sfida Lari-Lo Voi

Tre voti per Guido Lo Forte, uno a testa per Sergio Lari e Franco Lo Voi. Sembra fatta, il procuratore di Messina, ex braccio destro di Caselli e accusa nel processo Andreotti sembra vicino a ottenere il ruolo di procuratore capo di Palermo. Ma Napolitano blocca tutto con una lettera al Csm. Era il 30 luglio. Ora col nuovo Csm in vantaggio c'è Lari della corrente di sinistra dell'Anm ma la questione si intreccia con la vicenda di Bruti Liberati a Milano. E allora sale Lo Voi, nell'ennesima battaglia per la "procura dei veleni"...

Guido Lo Forte apeGuido Lo Forte

LO FORTE STOPPATO - La partita era cominciata prima dell'estate, dopo la pensione di Messineo. E in pole position sembrava esserci Guido Lo Forte, procuratore capo di Messina sostenuto da Unicost. L'ex braccio destro di Giancarlo Caselli aveva totalizzato tre voti dalla commissione incarichi direttivi del Csm. Un voto a testa era andato invece al procuratore capo di Caltanissetta Sergio Lari (sostenuto da Area, la sinistra dell’Anm) e al magistrato di Eurojust Franco Lo Voi (Magistratura Indipendente). Ma la nomina, che sembrava vicina, era stata stoppata direttamente dal Quirinale. Il capo dello Stato ha chiesto ai consiglieri di eleggere “in via prioritaria” i procuratori degli uffici giudiziari rimasti da più tempo senza titolare, di fatto rinviando la questione di Palermo, che però era anche la più delicata vista l'importanza e la difficoltà dell'ufficio. 

Sergio Lari apeSergio Lari

LA PARTITA RIPRENDE - Dopo i mesi ad interim di Leonardo Agueci ecco che può ripartire la corsa. Si è ricominciato tutto da capo con l'audizione dei candidati. L'accordo non c'è ma ora col nuovo Csm pare che la situazione si sia ribaltata. In vantaggio ci sarebbe infatti Sergio Lari, ma tra lui e la nomina c'è in mezzo Bruti Liberati. Ebbene sì, perché appare difficile che Area riesca a ottenere insieme il posto di vertice dell'ufficio palermitano e difendere quello di Bruti Liberati a Milano. Lari porterebbe di certo novità in seno all'ufficio e probabilmente anche sul processo sulla trattativa Stato-mafia, visto che più volte da Caltanissetta ha paventato perplessità sull'operato dei pm di Palermo, in particolare per quanto riguarda la valutazione di Massimo Ciancimino, testimone principale del processo in corso presso la Corte d'Assise palermitana e che ha visto anche l'audizione di Giorgio Napolitano al Colle. Salgono allora anche le quotazioni di Lo Voi che potrebbe essere sostenuto in primo luogo dai laici di centrodestra. Non resta, come sempre, che aspettare...

Franco Lo Voi apeFranco Lo Voi
Tags:
palermolo forte
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.