A- A+
Cronache
Procure, danza politica sulle nomine. Spataro a Torino, Creazzo a Firenze

Torino, Firenze e Bari. Sono le tre importanti procure che hanno un nuovo capo. In seno a un Csm in scadenza a giugno si è scatenato il solito gioco politico con decisioni prese per accontentare un po' tutte le correnti dei magistrati. Per l'ufficio piemontese c'è Armando Spataro, che lascia la devastata sede milanese. Creazzo passa da Palmi a Firenze per contrastare la camorra in Toscana. A Bari arriva il cassazionista Volpe.

TORINO -  E' Armando Spataro il successore di Gian Carlo Caselli alla guida della Procura di Torino. Il plenum del Csm, a maggioranza, ha infatti nominato Spataro, fino ad oggi pm a Milano, nuovo procuratore capo del capoluogo piemontese.  Spataro lascia così la travagliata e spaccata Procura di Milano per approdare alla poltrona più pesante di Torino. Spataro, che era entrato a  far parte del pool di Mani Pulite dopo l'addio alla toga di Antonio Di Pietro, è conosciuto soprattutto per le sue indagini antiterrorismo. Si è occupato di Br ma anche, più recentemente, del caso Abu Omar. Una scelta che potrebbe dunque dare continuità alla traccia di Caselli sui No Tav e l'incriminazione di terrorismo di alcuni esponenti del movimento di protesta. Tra le altre inchieste aperte a Torino c'è quella di Raffaele Guariniello su Stamina.

FIRENZE - A Firenze arriva invece Giuseppe Creazzo, un altro siciliano, e messinese, dopo Giuseppe Quattrocchi. Creazzo proviene dalla Calabria, dove da procuratore di Palmi si è contraddistinto per le lotte alla 'ndrangheta . Si è occupato anche della rivolta di Rosarno e della faida di Gioia Tauro. Che c'azzecca un pm antimafia a Firenze? C'entra eccome, se si tiene presente l'indagine venuta alla luce negli scorsi giorni con le infiltrazioni della camorra in Toscana e gli arresti domiciliari per due poliziotti. Creazzo dovrà far fronte di indagini non ancora concluse, come quella sulla “talpa” della Tav, ma anche affrontare casi di grande ribalta mediatica come la morte dell’ex calciatore della Fiorentina Riccardo Magherini.

BARI - E' Giuseppe Volpe il nuovo capo della Procura di Bari. Lo ha nominato a maggioranza (16 voti a favore) il plenum del Csm. Volpe, fino ad oggi sostituto pg in Cassazione, va a ricoprire la poltrona lasciata vacante da Antonio Laudati lo scorso anno: e' stato votato dai togati di Unicost e di Area, nonche' dal pg di Cassazione Gianfranco Ciani, dal vicepresidente del Csm Michele Vietti e dai laici di centrosinistra Glauco Giostra e Guido Calvi. Solo 3 preferenze (quelle dei togati di MI) sono andate all'altro candidato Fausto Zuccarelli, aggiunto a Napoli, mentre i laici di centrodestra e il togato indipendente Paolo Corder hanno sostenuto il candidato Pasquale Drago, aggiunto a Bari. Volpe ha iniziato la sua carriera a Verbania come pretore ed è stato procuratore capo a Tempio Pausania, dove si occupò del sequestro del piccolo Farouk Kassam. Come sostituto pg a Bari, ha seguito poi il processo sul rogo del teatro Petruzzelli, e in Cassazione ha rappresentato la Procura generale ai processi sui fatti di Bolzaneto, sull'omicidio Raciti, sulle firme false in Piemonte. Inoltre, come pg alla Suprema Corte si è pronunciato sulla richiesta, avanzata lo scorso anno dalla difesa di Berlusconi, di trasferire da Milano i processi Ruby e Mediaset, e ha trattato la questione della misura cautelare per Sabrina Misseri e il processo per le 'tangenti Sesto' a carico di Filippo Penati.

Tags:
procurespataro
in evidenza
Meteo, un vero colpo di scena Torna l'anticiclone delle Azzorre

Un evento storico...

Meteo, un vero colpo di scena
Torna l'anticiclone delle Azzorre

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.