A- A+
Cronache
Puglia, mazzette per liberare mafiosi: arrestati un giudice e un avvocato

Giro di mazzette per liberare soggetti mafiosi: scoppia il caos nella giustizia pugliese. I carabinieri di Bari hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del gip di Bari Giuseppe De Benedictis e dell'avvocato barese Giancarlo Chiariello. L'ordinanza e' stata emessa dal gip di Lecce, su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nell'ambito di un'inchiesta per Corruzione. Denaro per far scarcerare mafiosi detenuti: sarebbe questo l'accordo corruttivo intercorso tra il giudice barese Giuseppe De Benedictis e l'avvocato (anch'egli di Bari) Giancarlo Chiariello. Entrambi sono stati raggiunti da un' ordinanza di custodia cautelare in carcere, questa mattina, nell'ambito di un'indagine della Dda di Lecce. Sono state arrestate anche altre persone, tra cui esponenti della criminalita' organizzata barese e foggiana, che avrebbero beneficiato di provvedimenti favorevoli da parte del giudice che si ritiene sia stato corrotto. In corso anche numerose perquisizioni da parte dei Carabinieri. 

E' stato sorpreso dai Carabinieri dopo avere intascato una mazzetta di 6.000 euro da parte dell'avvocato Giancarlo Chiariello, il giudice barese Giuseppe De Benedictis arrestato su ordine della Dda di Lecce. L'episodio e' accaduto il 9 aprile, subito dopo De Benedictis, che ha parzialmente ammesso le sue responsabilita', ha chiesto di lasciare la magistratura. Avvenivano nell'abitazione o nello studio dell'avvocato barese Giancarlo Chiariello, oppure all'ingresso di un bar davanti al palazzo di giustizia di Bari, gli scambi di denaro tra il penalista e il giudice Giuseppe De Benedictis, arrestati questa mattina dai carabinieri. Nel corso dell'inchiesta della Dda di Lecce, sono state ascoltate numerose conversazioni, nelle quale il magistrato e il legale si mettevano d'accordo sulle cifre da chiedere a personaggi legati alla criminalita' organizzata, per alleggerire le misure cautelari imposte. Uno degli assistiti dell'avvocato Chiariello e' stato raggiunto dall'ordinanza cautelare. 

Ha deciso di dimettersi dalla magistratura "per vergogna", il giudice barese Giuseppe De Benedictis, che il 9 aprile scorso e' stato sorpreso con una mazzetta che gli era stata versata dall'avvocato Giancarlo Chiariello, per favorire alcuni suoi clienti. Tale volonta' e' stata manifestata dal magistrato ai carabinieri, che lo hanno perquisito mentre si trovava nel suo ufficio e poi hanno esteso la perquisizione alla sua abitazione. Il giudice, subito dopo ha presentato richiesta di lasciare anticipatamente la magistratura, con comunicazioni formali al presidente del Tribunale di Bari, al capo dell'ufficio gip-gup, al Consiglio superiore della magistratura e al ministero della Giustizia. Sara' quest'ultimo a valutare la sua richiesta. 

Commenti
    Tags:
    puglia mazzette mafiosipuglia mazzette mafiosi arrestopuglia arresto mafiosi giudice
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    Cronache

    De Magistris:"Vaccinare tutti, anche i migranti. Altrimenti è discriminazione"

    i più visti
    in vetrina
    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...

    Elettra Lamborghini senza il reggiseno. Wanda Nara esplosiva e...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia

    Nuova Jeep® Wrangler 4xe plug-in hybrid,ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.