A- A+
Cronache
Qatar-gate, falsato il premio Sakharov? Giallo: finta ong al barista sloveno

Il giallo della finta ong ceduta al barista sloveno

Nuovi particolari e sviluppi inediti sullo scandalo Qatar-gate. La Verità di oggi si occupa in prima pagina di un  nuovo giallo sulla vicenda che sta sconvolgendo la sinistra europea: "Prima della Fight Impunity, c'era una srl della famiglia di Giorgi, l'ex assistente di Panzeri. Poi la società è stata lasciata al compagno della figlia dell'ex parlamentare europeo, un barista sloveno", scrive la Verità. Un nuovo capitolo da approfondire in una storia a dir poco sconcertante.

Premio Sakharov, il voto dei socialisti condizionato dal Marocco?

Nello scandalo Qatargate il quotidiano belga Le Soir accende oggi un faro sull'edizione del 2021 del Premio Sakharov del Parlamento europeo, una sorta di 'Premio Nobel per la pace' dell'Eurocamera, assegnato lo scorso anno all'attivista russo Alexei Navalny. Secondo il quotidiano, "il Premio Sakharov è nel mirino degli inquirenti". I media, anche italiani, hanno già segnalato in realtà nei giorni scorsi che tra gli scopi della presunta lobby corruttiva di Bruxelles a favore di Qatar e Marocco ci fosse anche "nominare i candidati del premio Sakharov".

Ora, secondo il quotidiano belga, in prima linea nella cronaca di questa indagine, nell'edizione 2021 "i voti del gruppo S&D sono stati espressi contro un'attivista" del Saharawi, Sultana Khaya, "patata bollente per l'occupazione marocchina del Sahara occidentale", schierandosi con la destra di Ecr. Ogni gruppo politico del Parlamento europeo può presentare un candidato al Sakharov. Seguono una serie di votazioni a porte chiuse tra le commissioni Sviluppo e Affari esteri, con diversi dei componenti citati nel Qatargate.

Finiscono in parità due candidati per un posto nella finale: Khaya (sostenuta da The Left) e la boliviana Jeanine Anez (nominata dai partiti di destra, Fratelli d'Italia e Vox, del gruppo Ecr). "È stata decisa una nuova votazione, che è stata inspiegabilmente ritardata di un'ora (non c'è stata alcuna giustificazione formale)", ha ricostruito con Le Soir il deputato Miguel Urban (The Left, Podemos). "E il gruppo socialista, contro ogni aspettativa, ha dato istruzioni di voto ai suoi deputati, via e-mail, per votare il candidato" sostenuto "dall'estrema destra". "Questa alleanza con l'estrema destra è politicamente inspiegabile e molto difficile da capire e spiegare", ha aggiunto. "E la loro scusa di non dividere i voti nel turno finale" per favorire i propri candidati "non è credibile". "È estremamente raro che i socialisti votino a favore dell'Ecr - ha detto a Le Soir una fonte del gruppo Renew. Sarebbero accusati dalla sinistra di non essere abbastanza di sinistra".

"Nell'ultima tornata elettorale, le donne afghane sono state sostenute da S&D, Verdi e Sinistra. Questa alleanza progressista ha perso a favore di una maggioranza liberal-conservatrice che sostiene Alexei Navalny", ha dichiarato il portavoce di S&D. "Come difensori dei diritti umani nel Sahara occidentale, abbiamo perso la speranza anni fa nelle istituzioni europee, nel Parlamento, nella Commissione europea e nel resto delle istituzioni", ha commentato Sultana Khaya, ricoverata in Spagna da quattro mesi.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
panzeriqatargatesakharov
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Falchi-Crippa, prima uscita pubblica Matrimonio in vista? Quell'anello...

Le foto

Falchi-Crippa, prima uscita pubblica
Matrimonio in vista? Quell'anello...


in vetrina
Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."

Crozza/Sala: "Se mi metto una cassetta delle offerte al collo raccogliamo un po’ di soldini..."





motori
Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Opel storiche,ci si vede a Ferrara il 14 Settembre

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.