A- A+
Cronache

Come mai in nessun programma politico delle ultime elezioni è stato fatto un solo cenno alla politica estera?

Qualcuno storcerà il naso ma noi siamo davvero l’ottava potenza del mondo, non importa la distanza che ci separa dalle prime. Abbiamo in passato battuto non poche stecche a inglesi e francesi in nordafrica (vedi Gheddafi in Libia, messo lì dai nostri servizi segreti con mal di stomaco britannico con inquietanti ipotesi sugli appoggi ‘esterni’ alle stragi degli anni 80)

La vicenda dei marò è una questione interna indiana, usata dai politici indiani per un'operazione di propaganda. Ma la nostra gestione è stata orribile: una palese debolezza che mai si era vista così evidente e così pericolosa. Abbiamo molti militari impegnati all’estero: l’attuale ministro degli esteri sta espondeno loro ad un rischio altissimo.

Che cosa è successo è spiegabile:

I marò videro uomini armati sulle barche e li scambiarono per pirati. Non sapevano: i pescatori di quella zona sono sempre armati. Tre famiglie nel Kerala gestiscono il mercato ittico, chi trasgredisce viene punito. Così sono tutti armati per fuggire al monopolio mafioso, e vendono in mare tutto il pescato senza tornare a riva.

I marò non spararono contro la barca ma direttamente in acqua .Nessuno immagina la cosa più semplice del mondo: in acqua i proiettili rimbalzano come pietre sulla superficie. Non è una mia teoria, la fonte è la più accreditata possibile.

Non sono assassini, sono stati sfortunati.

In acque internazionali, giudica lo stato della bandiera della nave. Fu un errore da parte della nave dei marò, andare nel porto del Kerala dopo l’accaduto, probabilmente avendo piena contezza del diritto in questione.

Ora, l’arresto degli indiani è stata un'offesa al diritto internazionale. E lo sanno bene. Ma sono in malafede e adesso sembra che noi siamo quelli che mal si comportano. Ho profondamente gioito quando il ministero degli esteri aveva deciso di non far ripartire i soldati. Avevamo recuperato prestigio e sicurezza.

Poi la resa e la sconfitta. Se confindustria e company hanno fanno fatto pressioni per paura di perdere i contratti o altro io non lo so. Ma qualcosa è successo, e non sarà un danno da poco. In maniera primitiva gli indiani parlano di vittoria, gli inglesi li intervistano volentieri pompando sulla debolezza italiana.

Noi non dovevamo lasciar andare i soldati, ne pagheremo le conseguenze molto presto. Perché dopo tutto questo casino non si pensi che su i mercati di quell’area saremo trattati come prima. Inglesi e francesi stanno brindando, si sono ripresi molto terreno che gli avevamo tolto negli anni. E forse ci sono loro dietro. Non gli americani.

E’ in Europa il problema, un’Europa che non si è neanche alzata in piedi quando due soldati che dovremmo dire europei sono stati arrestati.Soldati della Nato. La sig.ra Asthon non è sembrata spettinarsi di fronte alla cosa. Però a Roma ci viene sempre volentieri, pieni i ristoranti, le passeggiate, le serate… Uno scenario sempre a portata di vacanza, uno scenario in cui gli italiani sono solo un fastidioso rumore di sottofondo.

Salvatore Passaro

Tags:
maròcommentoindiaitalia
in evidenza
Carolina Stramare va in gol L'ex Miss Italia sfida Diletta

Calcio e tv... bollente

Carolina Stramare va in gol
L'ex Miss Italia sfida Diletta

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid

Renault: restyling per Megane berlina ora disponibile anche Plug-in Hybrid


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.