A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

Papa Benedetto XVI

Benedetto XVI torna, da Papa emerito, in Vaticano. Ma la sua salute non sarebbe in ottime condizioni, a quanto dicono ad Affaritaliani da Oltretevere. Benedetto sembrerebbe essersi ulteriormente indebolito e si parla di un Papa alquanto acciaccato, con problemi di deambulazione e gambe sempre più deboli che non gli permetterebbero di camminare a lungo. Joseph Ratzinger si è ritirato a Castel Gandolfo il 28 febbraio scorso, poco prima che – alle ore 20 – diventasse effettiva la sua rinuncia al Soglio. Da lì ha seguito il Conclave che ha portato all'elezione di Jorge Mario Bergoglio, sempre molto affettuoso e premuroso nei confronti del predecessore.

IL RITORNO IN MONASTERO- Ora è tempo di tornare a Roma. La data del rientro dal palazzo papale di Castel Gandolfo è fissata al 2 maggio, quando nel pomeriggio finalmente il predecessore di Francesco si ritirerà nel monastero “Mater Ecclesiae”. Il monastero è ripartito su 4 piani, con una superficie calpestabile di circa 200 metri quadri. Oltre a Ratzinger ci saranno suo fratello Georg, monsignor Georg Gaenswein (segretario del Papa emerito ed al momento Prefetto della Casa Pontificia), un diacono fiammingo, le “memores Domini” di Comunione e Liberazione che hanno sempre prestato servizio per Benedetto come cuoche e per il guardaroba. Qui, dove sorgevano 12 cellette occupate da ultimo dalle monache visitandine, sono stati fatti lavori che hanno impermeabilizzato il tetto e creato miniappartamenti al posto delle celle, con uno spazio per la biblioteca e il tavolo da lavoro di Benedetto XVI. Il monastero era stato sgomberato alla fine del 2012: nessuno, nel dicembre scorso, quando dall'Appartamento Papale è stato fatto sapere alle visitandine che sarebbe terminata la loro permanenza, avrebbe potuto immaginare i motivi straordinari alla base di questa decisione.

 

COME STA- Accanto al ritorno del Papa emerito in Vaticano, però, c'è chi si chiede come stia effettivamente Benedetto XVI. Dicono ad Affari che chi ha potuto vederlo negli ultimi tempi avrebbe notato un aumento degli acciacchi fisici del pontefice emerito: si parla di gambe deboli (più di quanto fossero deboli al momento della visita resagli da Francesco poco dopo l'elezione, il 13 marzo scorso) e di una salute che – compatibilmente con l'età avanzata di Ratzinger – avrebbe avuto un appannamento. Certamente è un segno che l'89enne Georg Ratzinger viva ormai accanto al fratello, lui che è sempre rimasto in Germania – salvo qualche visita a Roma - quando Joseph era Papa (è arrivato presso la residenza estiva dei Papi attorno alla metà di Aprile, poco prima del compleanno di Benedetto).

CROLLO FISICO?- E c'è chi all'ombra del Cupolone si spinge a parlare addirittura di “evidente crollo fisico” del Papa emerito, espressione peraltro a cui si è molto avvicinata il mese scorso Paloma Gomez Borrero, vaticanista spagnola, aveva detto: “Il deterioramento fisico (di Benedetto, N.d.R.) è stato impressionante, e il Papa ha qualcosa di abbastanza grave”. Espressioni immediatamente respinte alla mittente dalla Santa Sede, che ha precisato di aver avuto rassicurazioni da monsignor Gaenswein sulle discrete condizioni di salute del Papa emerito. Ma che la sua salute sia peggiorata questo è stato abbastanza evidente proprio nelle immagini della visita di Francesco, nel corso della quale Ratzinger – seppur molto lucido, come sempre – è apparso invecchiato e stanco. Anche il 30 aprile, quando è stato annunciato il ritorno del Papa emerito in Vaticano, riferisce Radio Vaticana, ai giornalisti che chiedevano notizie sulla salute di Benedetto XVI, padre Lombardi ha replicato: “E' un uomo anziano, indebolito dall'età, ma non ha nessuna malattia”.

CHE COSA FARA' RATZINGER- Quello che attende Ratzinger è presto detto: al “Mater Ecclesiae” il Papa emerito troverà le sue carte personali. Ovviamente non quelle inerenti il governo della Chiesa, che ora sono a disposizione dell'Archivio Segreto Vaticano dove resteranno a disposizione del successore (e dei successori) fino a quando uno di essi non deciderà che possano essere consultate (al momento il limite di consultabilità il febbraio 1939, fine del pontificato di Pio XI). Benedetto ritroverà anche i suoi volumi e potrà quindi leggere, scrivere e soprattutto pregare come ha promesso negli ultimi giorni del suo Pontificato. Non è dato sapere se ci sarà un nuovo libro o un qualche scritto, visto che comunque la possibile enciclica targata Ratzinger sulla fede è stata abbandonata con la fine del papato.

Tags:
ratzingerbenedettofrancescovaticano
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.