A- A+
Cronache
Renna: "Stop all' invio di armi in Ucraina. Senza Rdc ci sarà più povertà"

Quindi guerra in Ucraina, e in altri paesi. Oggi più che mai abbiamo bisogno di pace,ma il governo con l'ultima legge di bilancio ha tagliato i fondi per il servizio civile mentre aumenta quelli per le spese militari.

La coperta è molto corta, ma non ci si rende conto che il servizio civile dà un aiuto sociale enorme a tante associazioni di volontariato e a tante istituzioni educative per sopperire a situazioni alle quali lo Stato non riesce a dare delle risposte. In questo modo non colpisceil servizio civile, si colpisce anche tutta una pratica di bisogni ai quali il servizio dà un conforto. Penso a tutte le associazioni di volontariato che hanno un forte sostegno nei giovani del servizio civile. Verranno meno delle forze.

Proprio giovedì 5 gennaio avete organizzato una marcia per la pace. Avete intenzione di farne un’altra? Immagino sia stata molto partecipata.

È stata molto partecipata. Nel passato c’erano state altre marce solo di alcuni gruppi, questa è stata partecipata da tutti i movimenti e le associazioni, ritornando sul tema del messaggio del Papa per la Giornata della Pace. Possiamo dirci soddisfatti del fatto che c’è un’attenzione costante di alcune associazioni, penso alla Comunità di Sant’Egidio o a Pax Christi che a questo tema dedica dei percorsi per l’educazione alla pace. Abbiamo fatto questa marcia e la veglia di preghiera, poi preferiamo per lo più continuare a pregare e a parlarne in vari contesti e seguire soprattutto questa via che è quella all’educazione della pace che Pax Christi sta portando avanti. Quello che ci serve è coscientizzare su questo tema.

Un altro argomento di cui si parla molto ultimamente è la Giustizia. Oggi con lariforma Cartabia, si potrà praticamente patteggiare su tutto: come ad esempio schiavitù, terrorismo, mafia. Poi con la Legge contro i rave party viene posto fine all'ergastolo ostativo, con il rischio di fare uscire dal carcere migliaia di mafiosi. Sembra che i criminali inizieranno ad avere vita facile...

Quello che si teme è che non ci sia un’adeguata risposta a quella che è la situazione delle vittime e anche a una sicurezza. Vediamo molto facilmente che quando alcuni lasciano il carcere questa viene meno. Certamente, una via da perseguire che la Cartabia ha intrapreso è stata quella della giustizia riparativa che evidentemente ha bisogno di tempi lunghi e che ha bisogno di determinate direttive. Io spero che si valuti molto bene, con molta calma, questo tipo di riforma perché potrebbe portarci a ritornare indietro su alcuni aspetti in cui alcune parti del Paese, come la Sicilia, hanno raggiunto un equilibrio, dovuto proprio al rigore di determinate leggi.

Quindi come valuta le politiche attuate dal Governo fino a oggi? Su cosa dovrebbe concentrare le sue forze?

Io credo sia molto presto per dare un giudizio sulle politiche del Governo. Molto ci aspettiamo dalla situazione sulla soluzione del reddito di cittadinanza, molto ci si aspetta anche dall’attuazione del Pnrr. Io credo che se il Governo, da questo punto di vista, insista molto su delle politiche che creino degli investimenti e non lasci passare questo treno per noi molto importante, che è quello del Pnrr, se non vediamo l’attuazione di queste cose, allora non possiamo dare ancora un giudizio.

Credo che i mesi siano davvero molto pochi per poter tirare le somme. Un altro aspetto che ci deve stare a cuore è quello della salvaguardia del Creato. Sono mesi che aspettiamo delle linee per l’attuazione delle comunità energetiche e se ci fossero state già nel Governo precedente e poi nei primi mesi di questo Governo, avremmo già risolto molto. La Chiesa con la settimana sociale ha fortemente auspicato che si realizzassero. Però rimangono ancora da scrivere alcune linee che determinano nel dettaglio le modalità che potranno essere create o potranno essere sostenute.

Da poco si sono svolti i funerali del Papa emerito. Cosa cambierà per PapaFrancesco ora?

Non cambierà nulla perché il Papa emerito non interferiva assolutamente nel magistero e nell’operato di Papa Francesco. Sappiamo che c’era una grande intesa e una grande conversazione. Il cammino della Chiesa, soprattutto in preparazione del Sinodo, sta andando avanti, quindi la morte di Papa Benedetto XVI non ha cambiato nulla perché lo stile che il Papa emerito ha mantenuto, ormai dalla fine del febbraio 2013, è stato quello di una grande riservatezza. Di questo gli va dato merito.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
arcivescovocataniaguerraintervistareddito di cittadianza
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo





motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.