A- A+
Cronache
La Concordia è dritta e galleggia. Ultimo viaggio verso Genova

Proseguono le operazioni di rigalleggiamento della Costa Concordia: e' ancora in corso lo spostamento della nave verso est, che e' stato "completato a prua, dove ha raggiunto 30 metri, mentre a poppa ne mancano ancora 10". A spiegarlo e' il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli che aggiunge: "si tratta di allentare un cavo, l'operazione durera' circa 2 ore, e' un piccolo inconveniente di carattere tecnico". Domani i lavori riprenderanno con l'abbassamento dei cassoni. Il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti prevede che la fine delle operazioni possa avvenire "a meta' o alla fine della prossima settimana". Poi ci sara' il trasferimento del relitto a Genova. "Non sono tifoso di Genova, ma di un porto italiano. All'inizio questo non era scontato. Potevamo smaltire la Concordia sul posto, ma io voglio salvaguardare l'ambiente e per farlo, devo portarla via", ribadisce Galletti. Il ministro ricorda che "non c'e' niente da festeggiare, quella in corso e' un'operazione che chiude una pagina drammatica del Paese" e che "nulla potra' risarcire le famiglie delle vittime e il danno subito": "qualcuno della Regione Toscana - aggiunge Galletti - ieri poteva essere qui per ricordare le vittime: noi c'eravamo". Il capo della Protezione civile Gabrielli sottolinea che, al momento, non e' stata registrata "alcuna opacizzazione delle acque": subito dopo la partenza della Concordia verso Genova, sara' avviato un apposito monitoraggio: "saro' soddisfatto - ha detto il ministro Galletti - solo quando avremo restituito al Giglio e all'Italia quello specchio d'acqua nelle stesse condizioni precedenti al naufragio".

Il recupero e' stato avviato a settembre scorso con le operazioni di parbuckling per raddrizzare lo scafo. In questi mesi sono stati saldati dei cassoni sulle fiancate, inizialmente riempiti da acqua che ora fara' posto all'aria, per il sollevamento della nave dal fondale, e consentire poi alla stessa di procedere in mare aperto in sicurezza al traino di due rimorchiatori d'altura. Il programma informatico controlla tutta la fase dello svuotamento dell'acqua dai cassoni e l'immissione di aria, in modo da alzare la chiglia di due-tre metri e consentire il posizionamento delle catene da agganciare ai rimorchiatori. Il capo della Protezione Civile e commissario per l'emergenza Concordia, prefetto Franco Gabrielli, ha sottolineato che le fasi di oggi erano "complesse e delicate" come le precedenti. Quanto ai costi, al momento "superano un miliardo di euro", ha detto in conferenza stampa Michael Thamm, l'amministratore delegato di Costa Crociere, precisando che si tratta di una cifra destinata a salire, perche' poi occorrera' aggiungervi i costi dell'operazione di oggi, quelli per il trasporto a Genova, poi quelli per la demolizione, il recupero e il ripristino del sito. La stima prudente e' che si arivi alla fine a un costo di 1,5 miliardi di euro. Thamm ha anche rilevato che "il progetto ha contribuito al Pil nazionale con un miliardo di dollari e salira' fino ad un miliardo di euro". L'ad di Costa crociere ha voluto ribadire che non dimentichera' gli abitanti del Giglio: "la gente di quest'isola ha aperto la porta e il cuore dal momento in cui e' avvenuto l'incidente". Tornando alle operazioni di questa mattina, il capo della Protezione civile ha commentato "fino ad ora non c'e' stata alcuna anomalia", esprimendo si' soddisfazione "ma con quella giusta cautela che la situazione prevede". Anche il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, presente al Giglio, ha sottolineato il "buon inizio", ma invita a "non abbassare la guardia". Rilevando in conferenza stampa che "non c'e' niente da festeggiare, quella in corso e' un'operazione che chiude una pagina drammatica del Paese". Galletti ha anche detto che "di fronte ad ogni evenienza noi abbiamo pronta una risposta per evitare un danno ambientale" e sottolineando che i ritorni economici dello smaltimento della Concordia "rimangono in Italia, parliamo di un miliardo di euro di lavori".

LA POLEMICA - "Qualcuno della Regione Toscana ieri poteva essere qui per ricordare le vittime: noi c'eravamo. Non e' una critica". Lo ha detto il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti, ricordando la fiaccolata di ieri all'isola del Giglio per le vittime del naufragio della Concordia. "Nulla potra' ripagare le famiglie delle vittime e il danno al Paese - ha aggiunto Galletti - ma ora basta polemiche".

"Mi permetto di consigliare al ministro Galletti un po' di cautela nelle sue dichiarazioni. E se proprio deve farle, lasci stare le vittime della Costa Concordia". Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, replica cosi' a quanto affermato dal titolare del dicastero dell'ambiente a proposito della funzione che si e' svolta ieri sull'isola del Giglio. "La Regione Toscana - prosegue - e' sempre stata presente ai massimi livelli o con suoi rappresentanti sia nella fase del soccorso, sia in quelle del recupero, sia nelle commemorazioni. E noi continueremo ad esserci anche quando il ministro Galletti, spenti i riflettori che in questo momento lo illuminano, se ne ritornera' a Roma".

Concordia: un 'gigante' di 290 metri di lunghezza e 70 di altezza - Un 'gigante' di 290 metri di lunghezza, 35 di larghezza, 70 di altezza e 114mila tonnellate di stazza lorda: in questi numeri e' racchiusa la complessita' delle operazioni di rimozione della Costa Concordia, naufragata all'isola del Giglo il 13 Gennaio 2012. Costata 450 mln di euro, il recupero costera' alla compagnia marittima circa 1,2 mld. La nave, che poteva trasportare 3789 passeggeri e 1100 componenti di equipaggio, e' entrata in navigazione a Luglio 2006, offrendo agli ospiti 13 ponti, quattro piscine salate, di cui due coperte, teatro a tre piani, cinema, 5 ristoranti e 13 bar, un'area benessere di 2100 mq e 1500 cabine. La concordia (a cui sono state affiancate le gemelle Costa Serena, nel 2007, e Costa Pacifica, nel 2009) e' la piu' grande nave passeggeri, per tonnellaggio, mai naufragata.

Tags:
rimozioneconcordiagiglio
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Pomeriggio rovente a Milano Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano
Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.