A- A+
Cronache
pesce mostro 500

Un altro esemplare misterioso lungo sei metri. Un nuovo pesce-serpente è stato ritrovato, è il secondo in meno di una settimana. La scoperta, questa volta, sulle spiagge di Oceanside, nella California del Sud. Solo pochi giorni fa ne era stato rinvenuto uno a Santa Catalina, sempre in Usa. L'esemplare, trovato senza vita arenato in spiaggia, è un pesce dalla forma che ricorda l'anguilla ma di dimensioni enormi, che raggiungono 5-6 metri.

Per sollevarlo servono 15 persone e, secondo il personale di "SeaWorld" accorso da San Diego, vive nelle profondità degli oceani. L'interrogativo a cui gli scienziati marini della “National Ocenic and Atmospheric Administration” (Noaa) devono rispondere riguardano il perché un esemplare di questo tipo sia arrivato morto in superficie, fino ad essere trasportato dalle onde sulle spiagge a ridosso della zona abitata. Il ripetersi della morte di simili esemplari suggerisce che le cause potrebbero essere un avvelenamento delle acque in profondità o una mutazione dell’habitat dovuto a cause esterne.

Tags:
pesceserpente
in evidenza
Paragone, picconate a Burioni "Ti ho denunciato e...". VIDEO

Politica

Paragone, picconate a Burioni
"Ti ho denunciato e...". VIDEO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri

Stellantis: tornano gli incentivi statali per i veicoli commerciali leggeri


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.