A- A+
Cronache
Roberto Spada condannato in via definitiva a 10 anni per mafia
Roberto Spada

La Cassazione ha deciso: Roberto Spada condannato a 10 anni per mafia in via definitiva

Diventa definitiva la condanna a 10 anni per il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso nei confronti di Roberto Spada. I giudici della quinta sezione penale della Cassazione hanno confermato la condanna per mafia.

LEGGI ANCHE: Omicidio Senago, Impagnatiello in carcere rischia grosso. Ecco perchè

Per l’esponente del clan di Ostia è stata confermata anche l’assoluzione per il duplice omicidio di due esponenti di un clan rivale, Giovanni Galleoni detto ‘Baficchio’ e Francesco Antonini detto ‘Sorcanera’, avvenuto il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia. Con la sentenza di questa sera la Suprema Corte, in riferimento al duplice omicidio ha annullato con rinvio la condanna all’ergastolo per Ottavio Spada, disponendo per lui un terzo processo di Appello.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
roberto spada
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

DS Automobiles: protagonista al Chantilly Arts & Élegance Richard Mille

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.