A- A+
Cronache

E' stata proclamata una giornata di lutto nella repubblica russa del Tatarstan, dove ieri un Boeing 737 si e' schiantato in fase di atterraggio uccidendo tutti i 44 passeggeri, tra cui due bambini, e i sei membri dell'equipaggio. Nel disastro aereo, avvenuto all'aeroporto di Kazan - la capitale di questa repubblica autonoma del sud della Russia - hanno perso la vita anche il figlio del presidente del Tatarstan, Rustam Minnikhanov, e il capo del dipartimento locale dei servizi di sicurezza federale, Alexander Antonov. Come riporta l'agenzia Interfax citando responsabili del Comitato investigativo che stanno indagando sulle cause dell'accaduto, la versione piu' accredita al momento e' quella di "un errore dei piloti e di fattori tecnici compresi guasti".

Secondo quanto riferito dal viceministro delle Emergenze, Vladimir Stepanov, giunto sul luogo del disastro, "finora le scatole nere non sono state ancora trovate. Ci auguriamo che non siano state danneggiate", ha poi aggiunto. Il velivolo della compagnia regionale Tatarstan Airlines, decollato da Mosca, aveva gia' tentato senza successo di atterrare una prima volta, quando e' esploso nell'impatto con il suolo, alle 19.30 ore locali (le 16.30 in Italia). Secondo quanto riferito dal capo del dipartimento trasporti del Comitato investigativo regionale, Alexander Poltinin, non e' chiaro il motivo per cui il pilota abbia tentato due atterraggi. I vigili del fuoco sono prontamente intervenuti per domare le fiamme, ma per quanti si trovavano a bordo non c'e' stato scampo. L'incendio e' stato domato solo nelle prime ore di questa mattina. L'aeroporto di Kazan, la capitale della repubblica a maggioranza musulmana del Tatarstan (700 chilometri a est di Mosca), e' stato chiuso al traffico e tuttora permangono forti disagi con voli nazionali e internazionali cancellati o in forte ritardo.

Tags:
russia
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Nuova smart #1,il domani è già arrivato

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.