A- A+
Cronache
Maltempo, 2 morti al Nord. E sabato altre alluvioni, le foto

E' ancora allerta maltempo al Nord e al Sud, con criticita' rossa sul Nord-Ovest lombardo. Lo comunica il Dipartimento della Protezione civile, che prevede pero' da domani un parziale miglioramento. La vasta perturbazione di origine atlantica che insiste sull'Italia da diversi giorni apporta ancora per oggi maltempo, in particolare sulle regioni del nord e su quelle del versante tirrenico. Nella giornata di domani, giovedi' 12, la saccatura si muovera' verso la Grecia favorendo un contestuale progressivo miglioramento sui    settori centro-settentrionali, mentre al sud il tempo rimarra' instabile.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d'intesa con le Regioni coinvolte - alle quali spetta l'attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati - ha emesso, quindi, un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse, che integra ed estende quelli gia' diffusi per la gran parte delle regioni italiane, dalla Val d'Aosta alla Sicilia. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticita' idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino di criticita' consultabile sul sito del Dipartimento. In particolare, l'avviso prevede il persistere di precipitazioni da sparse a diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, sulle regioni settentrionali - con un progressivo miglioramento a partire dal pomeriggio di domani - e al sud su Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia. 

I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensita', frequente attivita' elettrica e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e in atto, e' stata valutata per domani criticita' rossa per rischio idrogeologico sulla Lombardia nord-occidentale e per rischio idraulico sulla pianura lombarda occidentale. Per la giornata di domani, la criticita' valutata e' arancione per rischio idraulico sui settori di pianura del Friuli Venezia Giulia, sulla pianure lombarda orientale, su parte del Veneto e sulla pianura di Modena e Reggio Emilia, e per rischio idrogeologico sui restanti settori del Friuli Venezia Giulia, della Lombardia e dell'Emilia occidentale, oltre che su parte del Veneto e sui settori costieri del basso Tirreno. La criticita' sara' gialla per rischio idraulico sul Piemonte orientale, sul resto del Veneto e sulla pianura di Bologna e Ferrara e per rischio idrogeologico su gran parte del centro Italia e su tutto il sud, comprese le due isole maggiori, oltre che sulla Liguria, parte dell'Emilia e della Toscana.  

Maltempo: 70enne morto in lago maggiore nel Varesotto - E' stato recuperato in serata nel lago maggiore il corpo di un 70enne di Bodio Lomnago, nel Varesotto, di cui si erano perse le tracce nel pomeriggio. Stando a quanto riferito dalla stampa locale, l'uomo era caduto dalla sua imbarcazione che si era ribaltata colpita da una forte onda a Ispra.

Liguria, trovati i corpi dei due dispersi - Sono stati ritrovati a poca distanza l'uno dall'altro i corpi dei due coniugi dispersi da ieri sera a Leivi, nell'entroterra genovese. Carlo Arminise, 73 anni, e Franca Iaccino, 69 anni, vittime della nuova ondata di maltempo che ha flagellato la Liguria, erano sepolti nel fango. "Sono stati proprio sfortunati - ha commentato il sindaco della cittadina del Tigullio, Vittorio Centanaro - visto che stavano scappando quando sono stati travolti. Li hanno ritrovati a pochi metri dall'abitazione. La loro fuga e' stata fermata probabilmente dalla caduta di un grosso albero". All'alba i vigili erano invece riusciti a trarre in salvo con l'aiuto di un elicottero due donne, una delle quali all'ottavo mese di gravidanza. Alla Liguria "servono subito 150-200 milioni di euro dal governo, non per gli interventi di messa in sicurezza ma per le famiglie, le imprese, i Comuni che, altrimenti, non si rialzano piu'". Cosi' il presidente della Regione Claudio Burlando. E intanto la procura di Genova ha aperto un fascicolo per omicidio colposo plurimo e disastro colposo. Stabili evacuati, strade interrotte, treni cancellati: "in 12 ore - ha sottolineato il capo della protezione civile, Franco Gabrielli - alcune localita' sono state interessate da oltre 200 millimetri di pioggia caduti su un territorio fragilissimo". L'allerta 2, quella di grado piu' elevato, e' stata prorogata fino alle 15 di domani, giorno in cui le scuole resteranno chiuse sia a Chiavari sia a Genova. In Lombardia le fortissime precipitazioni di ieri e oggi hanno provocato frane, esondazioni e allagamenti, soprattutto nel Bergamasco e nel Bresciano: in provincia di Milano, a Pero, e' esondato l'Olona, a Lainate il Lura. Precipitazioni in aumento in Piemonte, con picchi molto forti su Biellese, alto Novarese e Vercellese. Esondato il lago Maggiore nella piazza del municipio di Pallanza, una delle localita' di Verbania piu' facilmente raggiungibili dalle acque. Nel Parmense la protezione civile ha attivato la fase di allarme piena per il fiume Taro. "Abbiamo un piano concreto", investiremo "7 miliardi in sette anni per la sicurezza dei cittadini e del territorio", ha assicurato il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, intervenuto agli Stati generali contro il dissesto idrogeologico: "Dobbiamo dire con forza che non ci saranno mai piu' condoni edilizi, perche' sono dei tentati omicidi alla tutela del nostro territorio". Non e' colpa solo del moltiplicarsi degli eventi climatici estremi: il vero problema che porta il Paese a una continua "emergenza maltempo", purtroppo troppe volte con risvolti drammatici, e' la totale assenza finora di una politica organica di difesa e conservazione del suolo. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

LE PREVISIONI FINO ALLA FINE DEL MESE - Giove Pluvio imperversa sul Bel Paese. La pioggia e i temporali attanaglieranno la nostra Penisola almeno fino alla fine del mese, sì perché nuove perturbazioni cariche di pioggia sono pronte per raggiungere l’Italia ed andranno a colpire purtroppo zone che hanno subito alluvioni. La redazione web del sito www.ilmeteo.it ci comunica che oggi è già pronta una nuova perturbazione che questa volta, oltre a far piovere sempre sulla Liguria, il resto del Nord e la Toscana, bagnerà anche il Lazio, l’Umbria, la Campania e le regioni adriatiche, insomma domani quasi tutta l’Italia si troverà sotto la pioggia. La redazione del sito iLMeteo.it prosegue l’analisi della situazione meteorologica dicendo che da giovedì e soprattutto venerdì il tempo migliorerà con l’avanzare di schiarite via via più ampie e il ritorno del sole su gran parte della Penisola nella giornata di venerdì, ma sarà solo una pausa temporanea, infatti da sabato una nuova intensa perturbazione scaricherà tantissima pioggia e nubifragi a partire dal Piemonte, la Liguria verso la Toscana e il resto del Nord. Domenica migliora, ma poi le piogge riprenderanno a oltranza fino a fine novembre.

Tags:
maltempo
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.