A- A+
Cronache
Cibi importati, allarme: c'è il triplo di residui chimici

Sugli alimenti importati e' stata individuata una presenza irregolare di residui chimici piu' che tripla rispetto a quelli Made in Italy, con i pericoli che si moltiplicano per gli ortaggi stranieri venduti in Italia che sono oltre otto volte piu' pericolosi della media dei prodotti nazionali. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sull'ultimo report del ministero della Salute sul "Controllo ufficiale sui residui di prodotti fitosanitari negli alimenti" pubblicato a luglio 2020.

Sui 10.737 campioni di alimenti (ortofrutta, cereali, olio, vino, baby food e altri prodotti) analizzati per verificare la presenza di residui di prodotti fitosanitari oltre il limite consentito appena lo 0,6% dei campioni di origine nazionale - sottolinea la Coldiretti - e' risultato irregolare, ma la percentuale sale al 1,9% se si considerano solo gli alimenti di importazione e tra questi il record negativo e' fatto segnare dagli ortaggi dall'estero con il 4,9%. Una ragione in piu' per acquistare Made in Italy in una situazione in cui l'82% degli italiani, secondo l'indagineColdiretti/Ixe', privilegia nel carrello i prodotti tricolori per sostenere l'occupazione e l'economia nazionale in un momento particolarmente difficile per il Paese a causa dell'emergenza coronavirus. Non a caso la Coldiretti e' impegnata nella mobilitazione #MangiaItaliano per favorire il consumo di cibo 100% tricolore nei mercati, nei ristoranti, negli agriturismi con il coinvolgimento di numerosi volti noti della televisione, del cinema, dello spettacolo, della musica, del giornalismo, della ricerca e della cultura, ma anche di industrie alimentari e distribuzione commerciale rappresentate in Filiera Italia.

Se si evidenzia - continua la Coldiretti - il primato del Made in Italy nella sicurezza alimentare a livello internazionale ed europeo, a preoccupare e' la presenza sul territorio nazionale di alimenti di importazione con elevati livelli di residui. In particolare nell'ortofrutta quasi un ortaggio straniero su 20 venduti in Italia e' fuorilegge per il contenuto di residui chimici. Tra gli alimenti importati dall'estero - precisa la Coldiretti - che sono risultati irregolari ci sono fragole, arance, i melograni, frutta varia, pomodori, peperoni, carciofi, riso bianco, lenticchie, fagioli secchi ma una recente operazione dell'Agenzia Dogane e Monopoli ha portato al sequestro a Ravenna anche di 11 tonnellate di uva da tavola proveniente dall'Egitto e destinate a una impresa del Veneto che rifornisce i mercati ortofrutticoli del nord Italia. L'obbligo di indicare il Paese di origine in etichetta grazie al pressing della Coldiretti e' in vigore per la maggioranza degli alimenti in vendita, dalla frutta alla verdura fresca, dalla pasta al riso, dalle conserve di pomodoro ai prodotti lattiero caseari, dal miele alle uova, dalla carne bovina a quella di pollo fino ai salumi per i quali si attende a breve la pubblicazione del decreto. "E' pero' necessario che tutti i prodotti che entrano nei confini nazionali ed europei rispettino gli stessi criteri, garantendo che dietro gli alimenti, italiani e stranieri, in vendita sugli scaffali ci sia un analogo percorso di qualita' che riguarda l'ambiente, il lavoro e la salute" afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che "va esteso a tutti gli alimenti l'obbligo di indicare in etichetta la provenienza e tolto in Italia il segreto sui flussi commerciali con l'indicazione delle aziende che importano materie prime dall'estero". In ballo c'e' anche la difesa della concorrenza sleale dell'agricoltura italiana che - continua Coldiretti -, e' la piu' green d'Europa con 5155 prodotti alimentari tradizionali censiti, 304 specialita' ad indicazione geografica riconosciute a livello comunitario e 524 vini Dop/Igp, quasi 60mila aziende agricole biologiche. Ma a causa di decenni di sottovalutazione sul Belpaese pesa anche la riduzione del grado medio di autoapprovvigionamento dei prodotti agricoli che secondo l'analisi della Coldiretti e' sceso a circa il 75% con l'Italia che e' dipendente dall'estero per quasi tutti i prodotti agricoli, dalla carne al latte fino ai cereali e fatta eccezione solo per vino, frutta e carni avicole. L'allarme globale provocato dal Coronavirus - conclude la Coldiretti - ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico della filiera del cibo e delle necessarie garanzie di qualita' e sicurezza ma ne sta pero' mettendo a nudo tutte le fragilita' sulle quali e' necessario intervenire con un piano nazionale per difendere la sovranita' alimentare e non dipendere dall'estero in un momento di grandi tensioni internazionali sugli scambi commerciali.

Loading...
Commenti
    Tags:
    salutecoldiretticibi importaticibi importati rischicibi importati allarmecibi importati residui chimici
    Loading...
    in evidenza
    L'ironia del web colpisce ancora Stavolta nel mirino c'è Di Maio

    Costume

    L'ironia del web colpisce ancora
    Stavolta nel mirino c'è Di Maio

    i più visti
    in vetrina
    Grande Fratello Vip 5: DAYANE MELLO SENZA REGGISENO RIPRESA PER SBAGLIO. Gf Vip 5 news

    Grande Fratello Vip 5: DAYANE MELLO SENZA REGGISENO RIPRESA PER SBAGLIO. Gf Vip 5 news


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico

    Ford Mustang Mach-E GT, mostra il vero potenziale di un propulsore elettrico


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.