A- A+
Cronache

 

Quattro morti in Gran Bretagna, tre in Germania, due in Olanda, due in Danimarca e una in Francia. Totale: dodici persone morte per San Giuda, una delle peggiori tempeste degli ultimi anni, in tutta Europa. I forti venti della perturbazione hanno abbattuto alberi, allagato aree basse sul livello del mare, lasciato centinaia di abitazioni senza energia e bloccato intere reti di trasporti. Il maltempo ha toccato anche il nostro Paese, soprattutto al Nord. La forte pioggia di questi giorni ha fatto cedere il terreno nell'entroterra di Genova. Attesa una nuova perturbazione che è pronta a guastare il ponte di Ognissanti.

LA FRANA IN LIGURIA - Frana nella notte a Curlo, frazione del comune di Ronco Scrivia, nell'entroterra di Genova. La forte pioggia ha fatto cedere il terreno gia' fradicio dai passati dieci giorni di maltempo. Un ampio fronte si e' staccato da una spalla di collina ed e' precipitato in un tratto vicino a case indipendenti. Non ci sono stati sfollati o feriti. L'emergenza e' scattata poco dopo le 2. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che hanno rimosso i detriti e liberato la strada.

SAN GIUDA, UNA SCIA DI MORTE E DANNI - Dopo aver lasciato almeno 16 morti e seminato danni e caos in tutto il nord Europa, la tempesta 'San Giuda' si e' spostata sui Paesi che si affacciano sul Baltico. In Lettonia, Estonia e lungo la costa russa ci sono stati alberi abbattuti e blackout (62mila solo nella zona di Riga) che hanno coinvolto migliaia di persone. Nella regione di Leningrado almeno 13mila persone sono rimaste senza energia elettrica mentre a San Pietroburgo ci sono stati allagamenti e il livello del fiume Neva ha sfiorato il metro sopra quello normale. Diverse zone della citta' sono allagate. Trasporto marittimo bloccato nel golfo finlandese. Il maggior numero di vittime si e' registrato in Germania, dove hanno perso la vita sette persone. Quattro i morti invece in Gran Bretagna, due in Olanda, due in Danimarca e una in Francia. Nel sud dell'Inghilterra la situazione dell'energia elettrica e dei trasporti ferroviari e' tornata gradualmente alla normalita, ma e' stato stimato che solo per il settore assicurativo i danni causati da 'San Giuda' per cui saranno chiesti risarcimenti per una cifra compresa fra i 350 e i 580 milioni di euro. Disagi nel traffico ferroviario si sono registrati ancora nel nord della Germania, dove si registrano danni alle linee di Brema e Amburgo. La situazione e' rimasta problematica nella Bassa Sassonia e temporali e forti venti hanno continuato a flagellare le regioni costiere del nord e le zone montuose del sud. Tra le vittime tedesche ci sono un padre e sua figlia a Gelsenkirchen, schiacciati da un albero caduto sulla loro automobile. Una donna e' morta invece a causa del crollo di un muro del giardino della sua abitazione sotto raffiche di vento a 170 chilometri all'ora. Anche in Svezia sono 60mila le abitazioni senza elettricita' mentre in Olanda si stima che la tempesta abbia causato danni per 95 milioni di euro.

PREVISIONI METEO
Oggi, mercoledì 30, la perturbazione n.7 del mese giunta ieri farà un ulteriore passo avanti e, più indebolita, porterà un aumento della nuvolosità anche sulle regioni adriatiche centrali e sulla Sardegna. Le piogge, per lo più deboli, interesseranno quasi tutto il Nord (ad eccezione del basso Piemonte e della Valle d’Aosta), la Toscana settentrionale e tra il pomeriggio e la serata anche le Marche. Al mattino qualche temporale sul Levante Ligure, tra Tigullio e Spezzino. Qualche nevicata sulle Alpi lombarde oltre i 1800-1900 metri. Tempo ancora prevalentemente soleggiato sulle regioni meridionali e sulla Sicilia. Temperature in sensibile calo sull’Emilia Romagna, in lieve calo anche al Centro ed ancora stazionarie al Sud. Massime previste: 16-18 °C al Nord (fino a 20 °C in Liguria), 20-24 °C al Centro, 22-26 al Sud e sulle Isole.

Domani, giovedì 31, la medesima perturbazione porterà ancora una nuvolosità diffusa su tutta l’Italia, ma con pochi fenomeni, per lo più limitati alle due Isole Maggiori ed all’Abruzzo. Le precipitazioni saranno più organizzate sulla Sardegna, dove non si esclude la possibilità di qualche temporale, specie sulle coste occidentali dell’Isola. Temperature in lieve calo su tutta l’Italia. Massime previste: 15-18 °C al Nord (fino a 20 °C in Liguria), 18-23 °C al Centro, 21-24 al Sud e sulle Isole.

Dopodomani, venerdì 1° novembre saremo ancora interessati dagli strascichi dell’ultima perturbazione di ottobre che lascerà sul campo una nuvolosità piuttosto diffusa che sarà in grado di portare qualche pioggia sparsa, di debole intensità, più probabile lungo il versante tirrenico, sul sud della Sardegna e tra Sicilia e reggino. Qualche schiarita più ampia potrà affacciarsi al Nord-Est e lungo tutte le regioni adriatiche centro-meridionali. Temperature massime in ulteriore lieve calo quasi ovunque, con valori che anche al Sud non supereranno più la soglia dei 22-23 °C Sabato 2 e domenica 3 arriveranno altri due impulsi perturbati: il primo, sabato, porterà piogge e rovesci al Nord (probabilmente tranne l’Emilia Romagna) e su Toscana, Lazio, Campania e Sardegna. Il secondo, in arrivo domenica, sarà un po’ più intenso e porterà piogge e rovesci al Nord (probabilmente tranne Piemonte ed Emilia Romagna), il Centro, la Campania e le due Isole Maggiori.

Tags:
san giudamortieuropaitaliamaltempo
in evidenza
"Governo ma non troppo..." Crozza imita Speranza. VIDEO

Spettacoli

"Governo ma non troppo..."
Crozza imita Speranza. VIDEO

i più visti
in vetrina
Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi

Bollette Luce e Gas, in arrivo i rincari d’autunno: ecco come difendersi





casa, immobiliare
motori
Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra

Una gamma completa per la nuova generazione di Opel Astra


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.