A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

papa francesco3

Allora, si farà o no questa nuova enciclica, anzi due secondo il vescovo di Molfetta Luigi Martella, firmata da papa Francesco? La Santa Sede, per bocca del portavoce vaticano Padre Federico Lombardi, si è affrettata a smentire un'enciclica sulla fede elaborata da Benedetto XVI e firmata da Jorge Mario Bergoglio (la famosa enciclica rimasta incompiuta all'atto delle dimissioni di Joseph Ratzinger il 28 febbraio scorso); eppure i rumors in Vaticano non mancano. Tanto che c'è chi parla con Affaritaliani e si lamenta del fatto che “se ne sta parlando troppo. E troppo, molto spesso, significa nulla. Ha ragione Lombardi quando dice che il Papa ci metterà il tempo che riterrà opportuno”.

FEDE ED ECONOMIA- Già, perché il vescovo di Molfetta alla fine di maggio si era lasciato scappare alcune confidenze ricevute – a suo dire – durante la visita ad limina (la visita che i vescovi devono rendere al Papa ogni 5 anni) dei presuli pugliesi a Bergoglio. In quell'occasione, secondo monsignor Martella, si sarebbe accennato anche al nome dell'enciclica numero due, quella sui poveri, dal titolo “Beati pauperes!”. Si tratterebbe di un testo dedicato alle condizioni degli ultimi e deboli nel mondo, che si inserirebbe – dicono Oltretevere ad Affari – nel filone delle encicliche sociali dei Papi, l'ultima delle quali è la “Caritas in Veritate” scritta da Benedetto XVI e pubblicata il 29 giugno 2009. Un testo che si riallaccia alla “Populorum Progressio” scritta nel 1967 da Paolo VI (e che al tempo costò non poche accuse di terzomondismo a papa Montini), che ha avuto due consulenti molto importanti per la stesura. Da un lato l'allora presidente dello IOR Ettore Gotti Tedeschi, poi defenestrato nel 2012; dall'altro invece l'economista bolognese Stefano Zamagni, che all'epoca della presentazione ha parlato della Caritas in Veritate come di un testo che – a differenza della Centesimus Annus di Karol Wojtyla, anno 1991 – si presentava in grado di giocare “all'attacco”.

tarcisio bertone 1

FREYBERG PER BEATI PAUPERES?- Volendo stendere un testo sui poveri, certo – dicono Oltretevere - l'attuale presidente dello IOR Ernest Von Freyberg potrebbe essere a disposizione. Proprio lui che qualche giorno fa a Radio Vaticana confessava: “Credo che siamo un’istituzione finanziaria ben gestita e pulita. Possiamo migliorare in tutti gli ambiti, come tutti gli altri, e ci stiamo impegnando ad essere validi come lo sono istituti simili”. E ancora: “Poi, abbiamo bisogno di comunicare. Nel passato, non parlavamo con nessuno, a cominciare dai nostri interlocutori più prossimi. Non abbiamo parlato in maniera sistematica con i cardinali, non con la Curia, non con la Chiesa. E’ diritto di ciascun membro della Chiesa cattolica in ogni parte del mondo di essere informato dettagliatamente su questa istituzione”. Quindi: “Cosa faremo ora? Inizieremo a parlare con i media, parleremo nella Chiesa ed informeremo in maniera sistematica i nostri interlocutori fondamentali; presenteremo un rapporto annuale come farebbe ogni altra istituzione finanziaria e lo pubblicheremo in internet il 1° ottobre, sul nostro sito”.

LE CONFIDENZE SMENTITE- A proposito di “Beati pauperes!”, per monsignor Martella, che aveva rivelato le confidenze di Francesco sul settimanale diocesano Luce e Vita alcuni giorni fa, l'argomento dell'enciclica (smentita) sarebbe stato: “La povertà intesa non in senso ideologico e politico, ma in senso evangelico”. Per quanto riguarda l'enciclica sulla fede, smentita in toto da Lombardi come farina del sacco di papa Ratzinger, bisognerà vedere come Bergoglio sceglierà di agire.

BERTONE RESTA O SI DIMETTE?- A proposito di azione: inizia a circolare in questi giorni l'ennesima voce che parla di possibili dimissioni dell'attuale Segretario di Stato, cardinale Tarcisio Bertone. Come sempre, il cardinale – da due anni a questa parte almeno – viene dato in via di sostituzione. E naturalmente Oltretevere ci si spacca: andrà via quest'estate, dice la prima scuola di pensiero; no, resterà fino alla fine dell'anno, dice l'altra. Nel frattempo il cardinale tace. E probabilmente sorride degli ennesimi capitomboli attorno al suo timone del governo vaticano.

Tags:
beati pauperesfrancescoratzinger
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.