A- A+
Cronache

Il processo per l’omicidio di Sarah Scazzi prosegue con la stessa composizione di giudici togati. Il presidente del Tribunale di Taranto, Antonio Morelli, ha rigettato la richiesta di astensione del presidente e del giudice a latere della Corte di Assise.

michele misseri1

 

Guarda la gallery

IL VIDEO CHE HA CREATO IL CASO - I due si scambiavano impressioni che, secondo la difesa di Misseri, costituivano un'anticipazione di giudizio. Ecco le frasi tra i due magistrati secondo quanto diffuso dal Tgcom24:

Presidente: "Certo vorrei sapere, là, le due posizioni sono collegate. Quindi bisogna vedere se si sono coordinati? Coordinati tra loro e se si daranno l'uno addosso all'altro".

Giudice a latere: "Ah, sicuramente"; Presidente: "Bisogna un po' vedere, no, come imposteranno? Potrebbe essere mors tua vita mea".

La madre e la figlia potrebbero scaricarsi a vicenda, si chiedono. Il video sta circolando tra le difese. Ha colpito soprattutto la frase seguente: Presidente: “(Non è che) negheranno in radice”. Si tratta di una frase sufficientemente neutra, ininfluente ai fini processuali, oppure in questa esternazione si può ravvisare un’anticipazione del giudizio?

Tags:
scazzisarahcorte d'assisevideo
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.