A- A+
Cronache
Rimosso un feto 36 anni dopo il concepimento

Un feto rimasto per 36 anni nell’addome di una donna indiana è stato rimosso qualche settimana fa, da un team di medici di Nagpur. L’eccezionale intervento, descritto sul Times of India e sui media internazionali, sarebbe collegato a quella che si ritiene la più lunga gravidanza ectopica del mondo.

La paziente, di 60 anni, era rimasta incinta a 24 anni, ma il feto si era sviluppato fuori dall’utero e la gravidanza si era interrotta. Nonostante i dolori, la paziente non si è fatta visitare per anni, fino a un riacutizzarsi del problema che l’ha portata a rivolgersi al NKP Salve Institute of Medical Sciences di Nagpur. Qui i medici hanno scoperto quello che in un primo tempo pensavano fosse un tumore: le analisi hanno poi rivelato che si trattava di una massa calcificata.

Tags:
scheletrofeto
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.