A- A+
Cronache
Schettino: la gente mi vuole bene. Non sarò un capro espiatorio

Francesco Schettino torna sul caso che ha scosso l'opinione pubblica nelle scorse settimane. Ovvero la sua partecipazione a un seminario di criminologia all'Università La Sapienza in cui l'ex comandante della Concordia è stato chiamato a parlare di "gestione del panico". Schettino parla da Ischia, isola dove ha trascorso buona parte delle sue vacanze.
 
E lo fa al giornale dell'isola, Il Golfo: "La Sapienza - spiega Schettino - invitò senza problemi Gheddafi, per me invece si è scatenato un putiferio", il senso delle parole di Schettino. Che va oltre: "La gente - dice - mi vuole bene e deve sapere come sono andate realmente le cose. Mi trattano come se fossi già stato condannato". E ancora, con una frase che è anche il titolo dell'articolo, "Non sarò un capro espiatorio". Schettino è l'unico imputato nel processo che si sta tenendo in questi mesi.

Tags:
schettino
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.