A- A+
Cronache

 

 

E' stato convalidato l'arresto del diciassettenne reo confesso dell'omicidio della fidanzata quindicenne, colpita con almeno venti coltellate e poi bruciata viva venerdi' mattina in una contrada di campagna alla periferia di Corigliano Calabro. Il giovane e' comparso dinanzi al presidente del tribunale dei minori di Catanzaro, Luciano Trovato, e al pm Rita Tartaglia.

Al fianco del minore i suoi avvocati di fiducia Giovanni Zagarese e Antonio Pucci. Il giovane, ancora visibilmente provato, ha chiesto di potere continuare gli studi che sinora aveva portato avanti con profitto, raggiungendo la quarta classe dell'istituto per geometri di Corigliano. I suoi difensori hanno depositato della documentazione per dimostrare l'ottimo curriculum di studi del diciassettenne, che ad agosto avrebbe compiuto 18 anni. Gli avvocati di fiducia non si sono sbilanciati su quanto dichiarato dal ragazzo ai magistrati, chiarendo pero' che "non e' ne' calmo ne' freddo e lucido" come emerso nei giorni scorsi. "Sta realizzando quanto successo. Mostra un disagio che deve essere approfondito nei prossimi giorni dagli specialisti", hanno chiarito i penalisti, i quali hanno inoltre insistito sulla normalita' del suo comportamento sino a venerdi' mattina quando e' andato a prendere Fabiana a scuola per un chiarimento dopo la litigata del giorno prima. Il diciassettenne rimane recluso e controllato a vista nel centro di accoglienza per minori di Catanzaro. L'accusa nei suoi confronti resta omicidio volontario aggravato. Non e' stato ancora trovato il coltello con cui avrebbe colpito Fabiana al torace e alle spalle, mai pero' in maniera mortale.

FERETRO BIANCO PORTATO A SPALLA DAGLI AMICI - Una bara bianca portata a spalla dagli amici, mentre tantissimi altri giovani hanno fatto volare in cielo i palloncini bianchi a forma di cuore e quelli che componevano il nome della ragazza. Cosi' il feretro di Fabiana Luzzi, la sedicenne uccisa dal fidanzato a Corigliano Calabro (Cosenza), ha fatto il suo ingresso in un gremitissimo palazzetto dello sport della frazione Scalo. Tanta la gente, al punto che qualcuno e' rimasto fuori nonostante la struttura abbia una capienza importante. All'interno l'intervento di un rappresentante dei testimoni di Geova.

IL DOLORE STRAZIANTE E COMPOSTO DEI GENITORI - Mario e Rosa, i genitori di Fabiana Luzzi, la sedicenne uccisa dal fidanzato a Corigliano Calabro, straziati dal dolore, ma composti e capaci di affrontare un dramma simile con grande compostezza. Vicino a loro gli altri congiunti della ragazza e poi tanti, tantissimi amici, quasi a volere stringersi in un'unica famiglia. Il padre e la madre della giovane sono giunti al palazzetto dello sport dove si e' svolto il rito funebre, dietro la bara bianca della figlia, scortati da due pattuglie dei carabinieri. Dentro la struttura, senza telecamere e fotografi, un dolore immenso, tanta gente in lacrime e lunghi abbracci. In mezzo al parquet la bara della sedicenne, con tantissimi fiori, ma senza fotografie, come prevede il rito dei testimoni di Geova. All'uscita, oltre alle migliaia di persone presenti, i genitori di Fabiana, sempre vicini al feretro, nell'ultimo viaggio verso la sepoltura.

Tags:
sedicennecorigliano calabro
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.