A- A+
Cronache

 

Dalla intervista di Sara Severini su Affaritaliani.it al salernitano Nicola Laudisio, Presidente del Tribunale di Como, emergono parole inquietanti per i tanti padri separati o in via di separazione. Mi soffermo, per brevità, solo sulla sua opinione: "Personalmente ritengo tuttavia che una cattiva madre sia sempre meglio di un cattivo padre: la madre è sempre più all'altezza del suo ruolo educativo."

Ciò significa che la legge applicata dal dott Laudisio (e da tutto il suo Tribunale?) avrà sempre un connotato discriminatorio sulle capacità educative di ogni (!) coppia di genitori. E' questa genericità di giudizio tra padri e madri, in ambito familiare, che crea danni proprio ai figli che si dovrebbero tutelare.

La legge 54/2006 parla chiaramente di uguaglianza di diritti e di doveri tra genitori e questa si dovrebbe perseguire. Se non lo si fa si va contro l'uguaglianza tra uomo e donna, tanto cara proprio alle donne che, invece, nelle separazioni mostrano tutta la loro storica rivalsa contro il genere maschile. Ritengo, inoltre, fuorvianti le opinioni di un laureato in giurisprudenza, quale il dott. Laudisio, che quindi conosce i codici e non le persone, quando si esprime sui miei figli che nessuno conosce meglio dei genitori. Sono profondamente indignato per questo e mi auguro che menti più aperte soppiantino presto il vecchio, limitando i danni alle generazioni che verranno. Cordialmente

Fabio Di Felice

Iscriviti alla newsletter
Tags:
separazionepadri separati
in evidenza
Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

Nino Cerruti

Addio al padre della giacca decostruita e maestro di Armani

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid

Sanremo 2022, diffuse le canzoni: tanto sentimento e poco Covid





casa, immobiliare
motori
Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport

Tokyo Auto Salon 2022: Toyota punta sul motorsport


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.