A- A+
Cronache


 

sgarbi18

Il critico Vittorio Sgarbi non ha diffamato l'ex responsabile nazionale della Uil beni culturali Gianfranco Cerasoli, originario dell'Aquila, dandogli dell'omosessuale in un servizio andato in onda sul Tg3 oltre 3 anni fa. Lo ha stabilito il giudice per le indagini preliminari dell'Aquila, Marco Billi, accogliendo la richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero.

Ilo procedimento giudiziario era nato da una querela nei confronti di Sgarbi presentata da Cerasoli, attualmente responsabile delle relazioni industriali della Siae e che all'epoca aveva criticato la nomina del critico a soprintendente del Polo museale di Venezia. Dopo l'interessamento di Cesaroli anche la Corte dei Conti iniziò ad occuparsi della nomina del ministro Bondi, provocando il risentimento del critico che mandò anche numerosi sms al sindacalista aquilano, chiedendogli in maniera provocatoria come mai fosse tanto interessato al suo caso e insinuando appunto che fosse gay.

Tags:
sgarbigaygiudice
in evidenza
Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social

Le foto da urlo della fidanzata di Greg Paltrinieri

Rossella Fiamingo, regina della scherma e star social


in vetrina
Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile

Automotive, da ALD arrivano nuove soluzioni di mobilità sostenibile





motori
DS Automobiles svela la nuova DS3

DS Automobiles svela la nuova DS3

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.