A- A+
Cronache
Linkedin, Twitter, ma anche LetsLunch per crescere nel lavoro

Come crescere di forza nel mercato del lavoro o trovare impieghi maggioramente remunerativi tramite i social network? Consigli per la ricetta migliore nell'uso di internet? Eccone subito uno. Più Twitter (a suo di retweet e hashtag) e meno Facebook secondo gli esperti. Valérie Rocoplan, fondatrice del'agenzia di coaching Talentis. "Fb non è professionale, lo sconsiglio totalmente".  La rete blu è troppo portata all'intimo con i suoi commenti, i like e i tag casuali. "Con la pubblicazione delle foto in vacanza e degli ultimi piatti assaggiati si può infastidire tutti", spiega la manager. Anche impostando dei criteri di privacy si corre il rischio che il capo possa capire sulla battuta che il migliore amico della persona ha lasciato sul muro taggandovi. Per mantenere la propria credibilità ci dimentichiamo di aggiungere su Facebook i colleghi. A meno che non creino due profili separati per evitare la miscelazione delle amicizie.

Capitolo Linkedin. L'esperto consiglia di puntare il profilo fortemente su esperienze educative e professionali, evitando la foto con... un mojito in mano. Poi bisogna iniziare a creare una rete molto stretta e studiata. "Devi iniziare gradualmente, collegandoti con persone che servono davvero: compagni di università, clienti, colleghi che aprono la loro rete. Partire da una trentina di persone con le quali lavoriamo regolarmente". Si parte da questo popolo "per scoprire altre persone in altre azienda e andare oltre".

Ma attenti ai nuovi social. In particolare cresce LetsLunch, portale emergente. Si geotagga, ossia localizza la propria zona di lavoro tramite il proprio account Linkedin. Ottimo per  organizzare dei pranzi di lavoro con i propri contatti attuali o con quelli potenziali. Il segreto? Un algoritmo elaborato da sistema ti conduce ai contatti potenzialmente interessanti per gli obiettivi di carriera. Bisogna però completare con rigore il proprio profilo  e cercare di capitare a pranzo con imprenditori, head hunter e via dicendo per trasformare la pausa pranzo in una una lezione di business. LetsLunch, è stato il primo social network che ha cavalcato il trend del social dining.

Attenti anche alle colazioni di lavoro di unbreakfast.it, la libera associazione di professionisti in cerca di nuova occupazione. Lo scopo è chiaro: dare una mano a quelli che sono fuori dal circuito a trovare un nuovo lavoro e fornire informazioni utili per ottimizzare la fase di “non lavoro”.

Tags:
social networklinkedintwitter
in evidenza
Kardashian, lato B o lato A? E il tatto di lady Vale Rossi...

Diletta, Wanda... che foto

Kardashian, lato B o lato A?
E il tatto di lady Vale Rossi...

i più visti
in vetrina
Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020

Alica Schmidt eletta l'atleta più sexy di Tokyo 2020





casa, immobiliare
motori
Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia

Si rubano circa 70 motoveicoli al giorno in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.