A- A+
Cronache
Spiega all'amico su Facebook come uccidere un poliziotto

Ecco come puoi uccidere un poliziotto. Lo sconsiderato consiglio viene fornito a un amico su Facebook: "Avevi una penna a portata di mano? Potevi accecarlo e poi fargli un buco in gola". Per questa frase postata sul social network un ventunenne di Ripe di Senigallia è stato denunciato per istigazione a delinquere, l'aggredire e ferire un poliziotto.

Il ragazzo è amico di M.F., il ventenne arrestato per aver cercato di strangolare un'amica di 16 anni, consenziente, dopo averla riempita di botte per "fortificarla" e aver trascorso giorni a drogarsi insieme a lei con farmaci a base di un principio simile alla codeina. Il 12 dicembre scorso, M. F., sanguinante per le ferite riportate nella notte brava precedente, aspettava di essere visitato al pronto soccorso, sorvegliato da due agenti. "Stato seduto lì - aveva scritto su Facebook -, con una gamba che donava sangue al pavimento e pensavo a 32 modi per uccidere il poliziotto di fianco a me, senza armi». Il ventunenne gli aveva risposto dandogli consigli su come fare.

Tags:
polizziottoucciderefacebook
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova

Tre smart EQ in dotazione alla Polizia Locale di Genova


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.