A- A+
Cronache
Donna attaccata e uccisa da uno squalo. Non si trovano i resti

Una donna di 63 anni, Christine Armstrong, e' stata uccisa da uno squalo, mentre nuotava con suo marito e altre 4 persone tra Tathra Wharf e Tathra beach, 350 chilometri a sud di Sidney. Testimoni descrivono la scena terrorizzati: "Christine si era allontanata dal gruppo e stava tornando a riva da sola. Lo squalo l'ha aggredita e di Christine non si e' ritrovato piu' nulla". La spiaggia e' stata chiusa al pubblico. Il personale sanitario sta parlando con i testimoni per superare lo shock.

Christine Armstrong era solita nuotare in quel tratto di mare. "Lo faceva da 14 anni" afferma la famiglia. Ci sono molti squali nel mare australiano, ma gli attacchi mortali sono rari (168 casi negli ultimi 100 anni). I resti della donna non sono ancora stati trovati.

Dalla cicogna innamorata allla mamma-gorilla. L'incredibile umanità animale

Dopo la giraffa, uccisi 4 leoni. "Lo zoo li ha fatti divorare"

La giraffa uccisa dallo zoo. "E' di troppo", data in pasto ai leoni

L'orango made in Roma cambia casa. Le “ragazze” ora hanno una suite

 

 

Tags:
squaloaustraliadonna
in evidenza
Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

Comscore

Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica

Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.