A- A+
Cronache

 

toto riina420

"Io non cercavo nessuno, erano loro che cercavano me". Cosi' il boss Toto' Riina si e' riferito ai carabinieri a propostito della trattativa Stato-mafia in una pausa del processo nell'udienza del 31 maggio scorso, parlando con gli agenti di custodia del Gom che sovrintendevano al suo collegamento in videoconferenza con la Corte di Assise di Palermo. Gli agenti hanno presentato in merito una relazione di servizio, depositata oggi dai Pm in udienza. "A me mi ha fatto arrestare Provenzano e Ciancimino, non come dicono i carabinieri", ha detto ancora Riina, che ha sostenuito: "Di questo papello non sono niente, mai visto".

Un agente di polizia penitenziaria chiese al boss: "E' vero che lei ha dato un bacio ad Andreotti?" E lui rispose: "Le posso solo dire che era un galantuomo e che io sono stato andreottiano da sempre"

Tags:
riinamafiastatoandrotti
in evidenza
"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari

La kermesse a Ceglie dal 26 al 28 agosto - Il programma

"Speriamo che sia femmina?": la possibile svolta politica in anteprima alla Piazza di Affari


in vetrina
Scatti d'Affari Scali ferroviari, quasi ultimati i lavori per la stazione Tibaldi a Milano

Scatti d'Affari
Scali ferroviari, quasi ultimati i lavori per la stazione Tibaldi a Milano





casa, immobiliare
motori
Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22

Al Monterey Car Week Aston Martin svela la DBR22


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.