A- A+
Cronache
Studenti somari e analfabeti e Invalsi disastrosi. La colpa? Non è del Covid
Classe di asinelli

La zucconaggine della metà degli studenti futuri adulti è atavica e stanziale in Italia. Invece è partita subito la campagna per difendere gli zucconi. Sentite cosa dice il presidente dell’Istituto che valuta gli Invalsi, Roberto Ricci: “È giusto dire che assistiamo a un effetto ‘long Covid’, è un'immagine appropriata, si fatica a tornare a livelli pre Covid. Gli apprendimenti sono un continuum, se si inseriscono discontinuità questo finisce per avere un peso”.

E già da tempo che assistiamo nel talk show televisivi alla lagna reiterata e ripetuta di sedicenti psicologi, sociologhi, formazionologhi e in generale di dotti, medici e sapienti che ci propinano l’improbabile e facile medicina del Covid per schermare l’ignoranza degli studenti.

Questo fa parte di un “percorso disinformativo” per cui lo studente ha sempre ragione, anche, e soprattutto -verrebbe da dire- quando impallina le professoresse in esercitazione balistiche con ordigni ad aria complessa e pallini di gomma che quando centrano il corpo umano lasciano i lividi. Una volta se una studentessa o uno studente discolo prendeva una nota in condotta prima veniva redarguito in classe con pubblica esposizione e poi prendeva il resto a casa dai genitori.

LEGGI ANCHE: Rovigo, prof colpita da pallini: studenti promossi con 9 in condotta

Ora succede esattamente il contrario. Se uno studente prende una nota prima sbraita contro l’insegnante e poi a casa i genitori danno il resto…all’insegnante! Questo fa parte del generale declino del mondo Occidentale ma sarebbe un discorso troppo lungo e pesante da fare in questa torrida estate. Torniamo quindi all’Invalsi. Che gli studenti, per metà, non capiscano un tubo è assai preoccupante. Ma che non capiscano un tubo in italiano è un fatto assai grave. Infatti, se uno va male in matematica avrà qualche problema pratico nella vita ma non deve vincere il Nobel. Se invece uno va male in italiano vuol dire che danneggerà non solo sé stesso ma anche gli altri, non capendo e non facendosi capire nella società, dal salumaio, al ristorante, negli uffici pubblici. Poi questa è la gente che abbiamo infatti davanti quando ci confrontiamo con un impiegato, un amministratore di condominio gonzo, un cameriere, e peggio ancora se si tratta di un burocrate ottuso, come è la maggioranza. E torniamo di nuovo al punto.

Il Covid non c’entra proprio nulla. Ricorrere ad esso come spiegazione della ciuccità funzionale dei ragazzi è fuorviante perché fare perseverare nell’errore. I risultati dell’Invalsi sono bassi un po’ perché metà degli studenti è “gonzo genetico” e metà lo è per colpa del lassismo del percorso formativo della Scuola. Non capire questo –come fa Ricci- significa che il prossimo anno le percentuali aumenteranno.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
invalsiscuolastudentitest
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...

Carlo Conti a Sanremo

Elodie-Annalisa per reggere l'urto del post-Amadeus. E poi...


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey





motori
Lexus: tre artisti creano opere digitali per il lancio della nuova LBX

Lexus: tre artisti creano opere digitali per il lancio della nuova LBX

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.