A- A+
Cronache
Sudan: condannata a morte per lapidazione una ragazza accusata di adulterio

La lapidazione è ancora praticata in Nigeria, Arabia Saudita, Sudan, Emirati Arabi Uniti, Pakistan, Afghanistan e Yemen 

L'Organizzazione non governativa (Ong) Avaaz e la Federazione Internazionale dei Diritti Umani (FIDH) hanno lanciato due campagne distinte ma con lo stesso obiettivo: salvare la vita ad Amal, una ragazza di 20 anni condannata a morte per lapidazione in Sudan.

Amal è un falso nome, richiesto da Intisar Abdala, l'avvocato della ragazza, per mantenere l'anonimato della sua cliente. La sentenza contro Amal è stata emessa lo scorso 26 giugno da un tribunale di Kosti, città sud di Khartum, perché ritenuta colpevole di adulterio.

La ragazza è separata dal marito dal 2020 ed è ritornata a vivere con i genitori. Dopo un anno, l'ex marito l’ha denunciata per infedeltà. Il processo si è svolto senza difensore, per questo Amal ha impugnato il verdetto tramite il suo avvocato. La Corte ha già ascoltato le parti, ora si attende la decisione dei magistrati, con la speranza che la sentenza possa essere ribaltata. 

Delle sette sentenze di lapidazione emesse dai tribunali sudanesi negli ultimi 30 anni, nessuna è stata applicata, ma ogni volta è servita una forte pressione a livello internazionale  per ribaltare la decisione della Corte. Ecco il motivo delle due campagne internazionali per salvare la vita ad Amal. 

Anche le organizzazioni per i diritti delle donne in Sudan hanno chiesto alle autorità di Khartum di annullare la sentenza, che costituisce una “punizione crudele, inumana e degradante”, e di garantire il rilascio immediato e incondizionato della giovane donna sudanese, in carcere da giugno.

Il rituale della lapidazione prevede che la persona condannata venga avvolta in un lenzuolo bianco e poi seppellita fino alla vita, se si tratta di un uomo, fino al petto, se si tratta di una donna. 

La lapidazione è ancora praticata in Nigeria, Arabia Saudita, Sudan, Emirati Arabi Uniti, Pakistan, Afghanistan e Yemen. In Iran è stata abolita nel 2012, ma poi reintrodotta per il solo "reato" di adulterio nel 2013.

 

 

 

 

 

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
condannalapidazionesudan
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire





motori
Carlos Tavares politicizza il futuro dell'automobile a "L'Événement" su France 2

Carlos Tavares politicizza il futuro dell'automobile a "L'Événement" su France 2

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.