A- A+
Cronache
"Tutti senza biglietto". La campagna per non pagare la metro

Non pagare mai il biglietto del metrò. E' l'unica regola del  Planka,  una sorta di Fight Club in salsa svedese contro  un balzello giudicato ingiusto e che quindi si batte per far in modo che sempre più persone entrino a far parte di questa filosofia di vita metropolitana.

Attualmente sono 500 gli iscritti di Planka e pagano una quota di circa 10 euro al mese. In cambio, l’organizzazione si fa carico delle eventuali multe che gli aderenti al movimento possono prendere. I conti sono in attivo: l’anno scorso i guadagni sono stati oltre il doppio dei 5 mila euro sborsati. L’associazione fornisce anche video didattici per mostrare tecniche anti-controllo sempre più sofisticate. L’abbonamento mensile ai mezzi pubblici costa poco più di 87 euro. Alcuni capi del gruppo hanno detto al New York Times che i ricavi dell’ultimo anno sono stati di circa 5mila e 500 dollari al mese, più del doppio di quanto è stato necessario rimetterci in multe.

Il caso è stato sollevato dal New York Times che ha riportato i dettagli di come, in concreto, su come funziona, chi sono queste persone, e come riescono a farla franca il più delle volte. A quanto pare l’organizzazione Planka è molto organizzata: "potremmo tirar su il muro di Berlino nelle stazioni della metro, e quelli riuscirebbero a trovare il modo di passare lo stesso", ha detto un portavoce del servizio di trasporto pubblico di Stoccolma. Anche come modello di business, lasciando da parte l’aspetto etico, funziona: l’anno scorso Planka ha guadagnato più del doppio di quanto ha dovuto pagare in multe. Il New York Times riporta addirittura di alcuni che addestrano i cani al guinzaglio a passare al di là delle porte e agitarsi per azionare il sensore.

Un portavoce del Servizio di Trasporto pubblico di Stoccolma ha detto che l’anno scorso si stima che circa 15 milioni di corse – il 3 per cento del totale – non siano state pagate.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
metròbigliettosveziaproteste
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili





casa, immobiliare
motori
Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.