A- A+
Cronache

Orrore in Svizzera dove un uomo di 31 anni, un maestro d'asilo, ha confessato di aver violentato sette bambine di età compresa fra i 18 mesi e i sei anni. Lo scrive la stampa locale, anticipando gli esiti di un'indagine. L'uomo, la cui identità non è stata rivelata, è in carcere dal 2011, dopo essere stato arrestato per il possesso di film pedopornografici.

Quattro delle vittime erano bimbe che gli erano state affidate mentre lavorava in un giardino d'infanzia a Volketswil, non lontano da Zurigo, che oggi è chiuso. Il maestro d'asilo aveva all'inizio confessato di aver violentato una bimba di due anni e mezzo e di aver scattato foto e girato video con lei. Nel corso dell'inchiesta ha confessato gli altri stupri. L'uomo offriva regalini e caramelle alle piccole perchè non raccontassero ai loro famigliari i "giochi segreti".

Tags:
svizzeramaestraconfesso
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano

Scatti d'Affari
Baulificio Italiano: aperto primo monomarca a Milano





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.