La scomparsa di Roberta Ragusa potrebbe essere a un passo dalla verità. Dato per certo - su questo gli investigatori ormai da tempo non hanno più dubbi - che la titolare dell’autoscuola «Futura» sia stata uccisa la notte fra il 13 e il 14 gennaio scorsi (la stessa della tragedia del Giglio), per cercare di risolvere il giallo è indispensabile ritrovar il cadavere della donna, che evidentemente è stato ben occultato da chi l’ha uccisa.

Nei prossimi giorni i militari del Centro Carabinieri Subacquei di Genova ispezioneranno con le loro sofisticatissime attrezzature due pozzi che si trovano a non più di 4-5 chilometri da Gello. Pozzi sospetti perché non ufficialmente censiti e vicini dal luogo dove la donna è scomparsa e potrebbero essere diventati la tomba di Roberta, anche perché i carabinieri ritengono che il killer non l’abbia sepolta perché quella notte il terreno era troppo duro, essendo gelato. Uno dei due pozzi si trova una vasta area degradata o a Madonna dell’Acqua alla periferia Nord di Pisa.

Nei mesi scorsi e fino a un paio di settimane fa si sono svolte, apparentemente senza alcun esito, diverse battute di ricerche in varie zone in una vasta area compresa tra il litorale e i monti pisani, partendo proprio da Gello, la frazione di San Giuliano Terme dove Roberta abitava con i due figli e il marito Antonio Logli, che in questa inquietante vicenda è (dall’ultimo giorno di febbraio) l’unico indagato, per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Anche se contro l’uomo - almeno finora, che si sappia - nell’inchiesta condotta dal sostituto procuratore della Repubblica Aldo Mantovani, non è emersa alcuna prova, ma solo sospetti.

2013-12-07T11:40:47.567+01:002013-12-07T11:40:00+01:00truetrue1056116falsefalse4Cronache/cronache4131057510562013-12-07T11:40:47.63+01:0010562013-12-07T13:50:14.843+01:000/cronache/svolta-ragusa-si-cerca-il-corpo-in-due-pozzi071213false2013-12-07T11:49:14.233+01:00310575it-IT102013-12-07T11:40:00"] }
A- A+
Cronache
roberta ragusaDal web
 

La scomparsa di Roberta Ragusa potrebbe essere a un passo dalla verità. Dato per certo - su questo gli investigatori ormai da tempo non hanno più dubbi - che la titolare dell’autoscuola «Futura» sia stata uccisa la notte fra il 13 e il 14 gennaio scorsi (la stessa della tragedia del Giglio), per cercare di risolvere il giallo è indispensabile ritrovar il cadavere della donna, che evidentemente è stato ben occultato da chi l’ha uccisa.

Nei prossimi giorni i militari del Centro Carabinieri Subacquei di Genova ispezioneranno con le loro sofisticatissime attrezzature due pozzi che si trovano a non più di 4-5 chilometri da Gello. Pozzi sospetti perché non ufficialmente censiti e vicini dal luogo dove la donna è scomparsa e potrebbero essere diventati la tomba di Roberta, anche perché i carabinieri ritengono che il killer non l’abbia sepolta perché quella notte il terreno era troppo duro, essendo gelato. Uno dei due pozzi si trova una vasta area degradata o a Madonna dell’Acqua alla periferia Nord di Pisa.

Nei mesi scorsi e fino a un paio di settimane fa si sono svolte, apparentemente senza alcun esito, diverse battute di ricerche in varie zone in una vasta area compresa tra il litorale e i monti pisani, partendo proprio da Gello, la frazione di San Giuliano Terme dove Roberta abitava con i due figli e il marito Antonio Logli, che in questa inquietante vicenda è (dall’ultimo giorno di febbraio) l’unico indagato, per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Anche se contro l’uomo - almeno finora, che si sappia - nell’inchiesta condotta dal sostituto procuratore della Repubblica Aldo Mantovani, non è emersa alcuna prova, ma solo sospetti.

Tags:
ragusasi cercacorpopozzi
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia

Dacia Spring, l'elettrica più venduta in Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.