A- A+
Cronache

"Sulla direttiva europea in materia di tabacco la linea del Governo italiano finora, anche in seno al Consiglio, non è stata né lineare né trasparente. E' mancata la limpidezza. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin dice ogni volta una cosa diversa, non si capisce che cosa pensi. Invece sarebbe importante sostenere una posizione chiara e determinata a difesa della tabacchicoltura italiana". E’ quanto ha affermato l’europarlamentare del Ppe Paolo Bartolozzi in un’intervista rilasciata alla portavoce del comitato Save the Choice, Annalisa Chirico, a pochi giorni dalla decisione sul testo che sarà adottata, con molta probabilità la prossima settimana, da parte del così detto trilogo: Consiglio dell’Unione Europea, Commissione e Parlamento Europeo.

"Se passassero tutte queste norme- continua Bartolozzi- rischieremmo di mettere i nostri coltivatori nell'impossibilità di continuare ad operare e saremmo invasi dal tabacco del Kentucky che non è regolato da una normativa così folle". Pur ammettendo che «la proposta di direttiva uscita dalla Commissione europea era molto demagogica e ancora più controversa del testo attuale, che nell' Europarlamento è migliorato», l’eurodeputato del Ppe sostiene che "rimangono alcune questioni aperte e che, se non si troverà un accordo tra Parlamento europeo e Consiglio entro dicembre, la direttiva passerà alla prossima legislatura".

"Quanto alla lista positiva degli ingredienti, credo che non passerà nel trilogo" dichiara l’onorevole Paolo Bartolozzi. "Al massimo, si potrà prevedere un’indicazione generica, senza nessuna lista vincolante. L'obbiettivo della direttiva è informare i consumatori sui rischi del fumo, non dare adito a derive proibizionistiche. Tra i deputati che propugnano la 'linea dura' sul tabacco, ce ne sono diversi a favore della legalizzazione delle droghe leggere. E' un controsenso".

"Sulla tracciabilità sono favorevole a che si preveda fino al primo acquirente, non alla prima rivendita. Sarebbero costi enormi per le imprese. Al contrario, rendendo le sigarette tracciabili fino al primo acquirente si può garantire la lotta al commercio illecito. Non si comprende poi per quale motivo la sigaretta elettronica, una volta messa in commercio, non debba essere venduta anche dai tabaccai".

Comunicato Save The Choice

Tags:
tabacco
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.