A- A+
Cronache
Terrorismo, falsi documenti e bonifici sospetti: arrestati 7 pakistani

Arrestati sette pakistani, tra Napoli e Caltanissetta, per finanziamenti al terrorismo con carte di credito farlocche e relativi bonifici sospetti

La Guardia di finanza a Napoli ha dato esecuzione, tra il capoluogo partenopeo (zona Borgo Sant’Antonio Abate e Sanità) e la provincia di Caltanissetta, in Sicilia, a una misura di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Napoli verso 7 indagati pakistani per possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e ricettazione.

Dal monitoraggio di operazioni sospette nell'ambito della prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo è stata aperta un'indagine. La Gdf ha analizzato i conti intestati a extracomunitari provenienti da Pakistan, Afghanistan, India, Bangladesh, Cina e Kyrgyzstan, verificando che erano state effettuate sui rispettivi conti apporti di liquidità con molte ricariche di 345 carte di credito estere, emesse in Usa e Canada, intestate a ignari correntisti.

Alle periodiche ricariche facevano seguito bonifici verso rapporti finanziari all’estero, intestati a persone di origine araba, destinati principalmente in Germania, Paesi Bassi e Belgio. Emersa anche la produzione e utilizzazione di almeno 30 documenti d’identità falsi per l’apertura di conti correnti in vari paesi europei, con le foto dei pakistani indagati e i dati anagrafici di altre persone.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    arresti a napoliterrorismo
    i più visti




    casa, immobiliare

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.