A- A+
Cronache

 

maro prigione india 1

I Marò resteranno in Italia. Lo ha detto il ministro Terzi. "L'Italia ha informato il Governo indiano che, stante la formale instaurazione di una controversia internazionale tra i due Stati, i fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone non faranno rientro in India alla scadenza del permesso loro concesso". Lo si legge in una nota della Farnesina.

"L'Italia ha sempre ritenuto che la condotta delle Autorità indiane violasse gli obblighi di diritto internazionale gravanti sull'India", in particolare "il principio dell'immunità dalla giurisdizione degli organi dello Stato straniero". Lo si legge nella nota della Farnesina con la quale si annuncia che i marò resteranno in Italia.

Il Times of India riporta la notizia traendola da un lancio della Reuters e la mette in prima. Nella fascia dei commenti, i primi a parlare sono lettori che rimproverano a Sonia Gandhi, la donna forte dell'India, quanto e' avvenuto. Un popup riporta a un articolo in cui si ricorda come il governo dello Stato di Kerala, dove il processo si e' tenuto fino al suo trasferimento a new Delhi, fosse contrario ai permessi concessi ai maro' proprio per il timore che i due non facessero rientro in India.

"L'Italia ha ribadito formalmente al governo indiano, con la nota verbale consegnata oggi dall'Ambasciatore Mancini, la propria disponibilità di giungere ad un accordo per una soluzione della controversia, anche attraverso un arbitrato internazionale o una risoluzione giudiziaria". Lo si legge in una nota della Farnesina sui marò.

La cronaca

INDIA, DOBBIAMO PROCESSARE NOI I MARO' - "I due marò italiani devono essere processati in India secondo le leggi indiane": così una fonte diplomatica indiana all'Onu, dopo l'annuncio che La Torre e Girone rimarranno in Italia. "Ogni commento specifico è prematuro, ma è chiaro che i due dovranno affrontare il processo in India", ha spiegato la fonte.

MOGLIE GIRONE, NON NE SO NULLA, DEVO VERIFICARE - "Lo apprendo adesso, non lo sapevo: devo fare le mie verifiche". Risponde così la moglie del marò Salvatore Girone, Vania, quando al telefono apprende dall'ANSA che la Farnesina ha comunicato che i marò pugliesi Salvatore Girone e Massimiliano Latorre "non faranno rientro in India alla scadenza del permesso loro concesso".

SORELLA LATORRE, SIAMO ATTONITI, GRAZIE ITALIA - "Siamo attoniti, non possiamo che esultare. Grazie Italia". Così Franca Latorre, sorella del marò Massimiliano, ha detto all'ANSA per la decisione della Farnesina di non consentire il ritorno in India di suo fratello Massimiliano e di Salvatore Girone.

DI PAOLA; CONDIVIDO DECISIONE, TORNERANNO AL LAVORO - "E' la decisione che ha preso il governo, quindi anche io ho contribuito e mi riconosco pienamente. I nostri marò riprenderanno il loro lavoro a meno che non intervengano altri fatti che non so prevedere". Lo ha detto a Tgcom 24 il ministro della Difesa, Giampaolo di Paola, a proposito della vicenda dei due fucilieri di Marina Salvatore Girone e Massimiliano Latorre.

Tags:
terzimaròitalia
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo: torna l’entrata gratuita nei musei della Banca





casa, immobiliare
motori
Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva

Honda Civic e:HEV: l’ibrida in chiave sportiva


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.