A- A+
Cronache

Ci sara' un nuovo processo sul rogo scoppiato nello stabilimento torinese della Thyssenkrupp, in cui persero la vita sette operai. Lo ha deciso la Cassazione, a sezioni unite penali, che ha disposto il rinvio degli atti alla Corte d'Assise d'Appello di Torino per la "rideterminazione delle pene". La Suprema Corte ha riconosciuto la responsabilita' dei sei imputati - tutti alti dirigenti della Thyssenkrupp - ma ha disposto un processo d'appello-bis a Torino affinche' le pene vengano riviste, probabilmente al ribasso. La Corte, infatti, ha annullato, senza rinvio la prima sentenza d'appello "limitatamente alla ritenuta esistenza" di una delle circostanze aggravanti contestate agli imputati. Bisognera' attendere le motivazioni, che per legge vanno depositate entro 90 giorni, per chiarire tutti i punti della decisione dei supremi giudici.

LA RABBIA DEI FAMILIARI - Hanno sfogato la loro rabbia, gridando e piangendo, alcuni familiari delle vittime del rogo della Thyssenkrupp, dopo aver assistito alla lettura del verdetto della Cassazione che ha disposto un nuovo processo d'appello-bis a Torino per rideterminare le pene a carico degli imputati. "Sono codardi - ha urlato una signora, madre di uno degli operai morti, di fronte all'aula magna della Suprema Corte - non hanno avuto il coraggio di emettere una sentenza, dire qual e' la verita'". Il dispositivo letto dal primo presidente, Giorgio Santacroce, infatti, e' stato di difficile comprensione sia per i legali presenti sia per i parenti delle vittime.


GUARINIELLO: "CHIEDEREMO AUMENTO DELLE PENE" - "La decisione della Cassazione non significa che le pene debbano essere rimodulate al ribasso. Noi chiederemo un aumento delle pene": lo dice il pm di Torino Raffaele Guariniello commentando la sentenza sul caso Thyssen della Cassazione che ha rinviato alla Corte d'Appello per ridefinire le pene dei dirigenti condannati per omicidio colposo con colpa cosciente. "Il considerare il reato di omissione dolosa delle cautele antinfortunistiche separato dal reato di disastro - specifica il pm - implica che si possa chiedere un aumento di pena. Anche se non c'e' il dolo eventuale siamo soddisfatti che sia rimasta la colpa cosciente. L'aspetto negativo e' che a oltre sei anni di distanza dalla tragedia non c'e' una sentenza definitiva nonostante le indagini vennero chiuse in soli tre mesi".

Tags:
thyssencassazione
in evidenza
Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

Vacanze in Sardegna, insieme alla mamma

Diletta Leotta sotto l'ombrellone la temperatura è bollente, le sue curve sono mozzafiato

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Renault apre i preordini online di Nuovo Austral

Renault apre i preordini online di Nuovo Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.