A- A+
Cronache
Torna dai Mondiali e muore in aeroporto. Aveva 90 ovuli di droga in pancia

Stava tornando dal Brasile dove si stanno giocando i Mondiali di calcio con mezzo chilo di cocaina in pancia. Un uomo di 44 anni, di Bolzano, è morto nei bagni dell'aeroporto di Venezia. La polizia ha ritrovato nel suo intestino novanta ovuli di droga.

L'uomo, che come riporta La Nuova, si chiamava Stefano Gavioli, 44 anni, pregiudicato bolzanino, era stato condannato nel 2006 a 11 anni di carcere per spaccio. Gavioli era appena sceso dall’aereo proveniente da Lisbona, quando ha iniziato a sentirsi male. Si è diretto ai bagni della zona arrivi ed è entrato, ma quando è stato all’interno è caduto a terra privo di sensi.

Pochi minuti dopo un altro passeggero ha visto il suo corpo disteso a terra. Scattato l’allarme, sul posto sono intervenuti il medico e gli infermieri che prestano servizio nel piccolo punto di Pronto soccorso dell’aeroporto. Ma quando è arrivato all’interno dell’ambulatorio l’uomo era già morto. La causa è stata la rottura di uno degli ovuli di droga che l'uomo aveva nel proprio intestino.Gavioli è morto così di overdose da cocaina.

 

Tags:
drogamondiali
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.