A- A+
Cronache
bambini che vanno a scuola

Una quindicina di bambini di Landiona, piccolo centro del Novarese, non frequentera' la scuola primaria del proprio paese ma quella, distante circa quattro chilometri, di Vicolungo. Il motivo del trasferimento sarebbero i 28 nomadi di etnia Sinti, alcuni dei quali residenti formalmente a Landiona e nei comuni limitrofi di Carpignano, Ghislarengo e Arborio (Vc), iscritti, anche se spesso non frequentanti, nel plesso per l'anno 2013-2014.

Il problema della ''convivenza'', a quanto apprende l'Agi, esiste da molto tempo, ma quest'anno il trasferimento ''in massa'', ad eccezione di una sola bambina, dei figli di genitori italiani a Vicolungo ha provocato l'indignazione dei consiglieri comunali di minoranza. ''Non c'e' nessun problema di razzismo - spiega all'Agi il sindaco di Landiona, Marisa Albertini, esponente di una lista civica di centrodestra - e la scelta di Vicolungo e' stata motivata dal fatto che quella scuola offre piu' servizi e che, nonostante avessimo l'intenzione di farlo, non siamo riusciti ad accorpare i due plessi''.

Tags:
bambiniromgenitori
in evidenza
"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

Zorzi torna su discovery con Tailor Made. La video-intervista

"La borsa di Chanel irrinunciabile. La moda? Oggi inorridisco per..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”

Scatti d'Affari
Banca Generali: presentati gli scatti relativi all’SDG numero 2 “Fame zero”





casa, immobiliare
motori
Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura

Nuova DS 7, eleganza e comfort in un’unica vettura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.