A- A+
Cronache
Uccise la moglie a calci e pugni, ora ne percepisce la pensione

Massimo Parlanti due anni fa ha ucciso la moglie Beatrice Ballerini, 42 anni, massacrandola di calci e pugni e strangolandola. Poi fuggì dopo aver preso i soldi che lei aveva nel portafoglio. Alla fine confessò. Ora sta scontando 18 anni di carcere,  ma percepisce il sessanta per cento della  pensione della sua vittima, e ne avrà diritto a vita, mentre ai figli di otto e dieci anni ne spetta solo il quaranta per cento.

«Questo accade perché non c'è un meccanismo automatico che prevede la dichiarazione di “indegnità a succedere” per l'assassino del coniuge, e così oltre la pensione, agli assassini spetta anche l’eredità di chi ammazzano» spiega Lorenzo Ballerini, fratello di Beatrice, che ha lanciato una petizione su Change.org chiedendo di modificare la normativa vigente. Poco più di due settimane fa la strage di Motta Visconti nel milanese ha confermato che ancora molto deve essere fatto per combattere la violenza di genere e il femminicidio. Secondo lo stesso Viminale mentre calano gli omicidi di genere, non calano quelli che hanno avuto come vittime le donne: dai 528 omicidi del 2012 si è passati ai 501 del 2013, mentre per i femminicidi, all’opposto, dai 159 registrati due anni fa si è arrivati l’anno scorso a quota 177, quasi uno ogni tre giorni.

Tags:
mogliepensioneuccise
in evidenza
Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

Politica

Incendi in California, distrutti oltre 200 acri di foreste

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz

La rivoluzione elettrica di Mercedes Benz


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.