A- A+
Cronache

 

Era nato da un rapporto sessuale tra padre e figlia. Poi, a poche ore dalla nascita, è stato ammazzato. E' iniziato in Sardegna il processo a porte chiuse nei confronti proprio di quella madre. La donna è accusata di concorso in omicidio volontario del piccolo.

Il padre, un pensionato di Nuxis (Cagliari), è stato già condannato in primo grado a 20 anni di reclusione. Il collegio, presieduto dal giudice Claudio Gatti, a latere Ermengarda Ferrarese, ha rigettato la richiesta di perizia psichiatrica presentata dal difensore Fausto Argiolas. Conclusa la fase delle istanze preliminari, il presidente ha aperto il dibattimento, facendo sfilare i primi testimoni.

Chiamati a rispondere al pm, Alessandro Pili, e alle domande della difesa, alcuni carabinieri della Compagnia di Iglesias che hanno ricostruito le prime fasi dell'inchiesta, arrivata ad una svolta dopo 14 anni dal delitto. La vicenda risale al febbraio 1996 quando il corpicino senza vita del neonato venne trovato sotto un cavalcavia a Siliqua. L'indagine arrivò ad una svolta, però, nel 2011 dopo le rivelazioni di un parente del padre-orco che raccontò del rapporto incestuoso fra padre e figlia.

La comparazione dei dna dei due sospettati portò alla svolta, confermata dalla confessione della donna sugli abusi subiti in 30 anni. Secondo l'accusa il piccolo, frutto dell'incesto, sarebbe stato ucciso dopo essere stato partorito nel bagno dell'ospedale, dove la ragazza assisteva in quel momento la madre. Dopo un tentativo di soffocare il piccolo con la carta igienica, il neonato venne gettato dal cavalcavia. L'udienza è stata aggiornata a lunedì 18 marzo.

Tags:
incestomadrefigliosardegna
in evidenza
Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

Costume

Margherita Molinari infiamma la spiaggia di Milano Marittima con le sue curve sexy

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura

Opel: l'audacia del design tedesco nella sua forma più pura


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.